menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti, 276 euro la spesa media per famiglia nel Piacentino

Ben 302 euro, a tanto ammonta in media nel 2018 la tassa dei rifiuti nel nostro Paese, con differenze territoriali molto marcate: tra la regione più economica e quella più costosa si registra uno scarto di oltre il 120% e fra la provincia meno cara e quella più cara addirittura di oltre il 270%

Ben 302 euro, a tanto ammonta in media nel 2018 la tassa dei rifiuti nel nostro Paese, con differenze territoriali molto marcate: tra la regione più economica e quella più costosa si registra uno scarto di oltre il 120% e fra la provincia meno cara e quella più cara addirittura di oltre il 270%.

In Emilia Romagna la spesa media a famiglia è di 278€, più alta a Reggio Emilia (313€), meno a Ravenna (247€).  Sulla raccolta differenziata, la Regione brilla rispetto al resto d’Italia con l’eccezione di Bologna dove la stessa si ferma al 46%.

Analizzando le tariffe a livello regionale, si evidenzia un aumento in ben 10 regioni, con la Basilicata che registra l’incremento più elevato (+13,5% nella sola città di Matera) e una diminuzione in 6 regioni, in particolare in Molise (-4,9%) e in Trentino Alto Adige (-4,5%). A livello di aree geografiche, i rifiuti costano meno al nord (in media 256 euro), segue il centro (301 euro), infine il sud (357 euro).

Il Trentino Alto Adige si conferma la regione più economica, con una tassa rifiuti media di 188 euro, la Campania la più costosa con 422 euro annuali. Confrontando i singoli capoluoghi di provincia, Belluno - seppur con un piccolo incremento - si conferma la città più economica (153 euro all’anno), mentre a Trapani, che registra un aumento del 49% rispetto all’anno passato, spetta il primato di più costosa (571 euro).

E’ questo il quadro che emerge dalla annuale rilevazione dell’Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva  che per l’undicesimo anno consecutivo ha realizzato un’indagine sui costi sostenuti dai cittadini per lo smaltimento dei rifiuti in tutti i capoluoghi di provincia, prendendo come riferimento nel 2018 una famiglia tipo composta da 3 persone ed una casa di proprietà di 100 metri quadri. La ricerca è disponibile online, gratuitamente dietro registrazione, sul sito www.cittadinanzattiva.it

I dati:

Bologna – Tari 2018: 286 euro – Tari 2017: 286 euro – Variazione% 0

Cesena – Tari 2018: 269 euro – Tari 2017: 276 euro – Variazione% -2,7%

Forlì – Tari 2018: 279 euro – Tari 2017: 284 euro – Variazione% -1,8%

Ferrara – Tari 2018: Tariffa puntuale – Tari 2017: 325 euro

Modena – Tari 2018: 293 euro – Tari 2017: 293 euro – Variazione% 0

Rimini – Tari 2018: 287 euro – Tari 2017: 279 euro – Variazione% 2,9%

Ravenna – Tari 2018: 247 euro – Tari 2017: 242 euro – Variazione% 2,2%

Parma – Tari 2018: 255 euro – Tari 2017: 255 euro – Variazione% 0

Piacenza – Tari 2018: 276 euro – Tari 2017: 276 euro – Variazione% 0

Reggio Emilia – Tari 2018: 313 euro – Tari 2017: 302 euro – Variazione% 3,2%

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lavoro domestico, 500 domande per sanatoria da Cgil e Cisl: «Stallo di mesi per iter rigido, a rimetterci sono le più fragili»

Attualità

La partenza del Giro entusiasma piazza Cavalli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento