rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Economia

Salumi piacentini: tutto il buono dei nostri Dop

Si è tenuto a Milano presso Sala Solari, Palazzo Delle Stelline in Corso Magenta, 61 la presentazione dell’aggiornamento dei nuovi valori nutrizionali di alcuni salumi italiani tutelati. Tra questi la nostra coppa piacentina, il nostro salame piacentino e la nostra pancetta piacentina. Questa importante ricerca è stata realizzata dal Crea, il più importante Ente di ricerca italiano dedicato all’agroalimentare e dall’ Ssica, Stazione Sperimentale per l’Industria delle Conserve Alimentari. Il lavoro è stato coordinato da ISIT, l’Istituto che associa i consorzi di tutela dei salumi italiani, al quale è associato anche il Consorzio di Tutela dei Salumi DOP Piacentini. La giornata si è aperta con i saluti istituzionali del Presidente di ISIT Lorenzo Beretta e dal Direttore di CREA Elisabetta Lupotto, sono seguite le relazioni di Ginevra Lombardi Boccia ricercatrice CREA, Massimo Lucarini ricercatore CREA, Giovanna Saccani ricercatrice SSICA e Luca Piretta gastroenterologo e nutrizionista Università Campus Biomedico di Roma, sulla tematica “nuovi valori nutrizionali dei salumi: il risultato di un impegno sinergico”. I relatori sono stati coordinati dal Direttore responsabile delle testate di cucina Mondatori  Laura Maragliano. Dalle relazioni è emerso chiaro che i  Salumi italiani sono alimenti che – a seguito del continuo miglioramento delle tecniche di allevamento, dei processi di trasformazione e conservazione – consentono un apporto nutrizionale equilibrato anche grazie alla loro varietà e versatilità di consumo

In più occasioni sono stati citati i salumi DOP piacentini per le loro peculiarità. Dall’analisi sui micronutrienti emerge infatti che il contenuto di vitamine del gruppo B, importanti poiché intervengono su importantissimi  processi metabolici del nostro organismo, sono particolarmente presenti; ad esempio il 20% del fabbisogno quotidiano di una persona di Niacina (o vitamina B3) può essere coperta  grazie a una porzione di 50 gr. di Coppa Piacentina o di Salame Piacentino .

Significativo anche l’apporto di alcuni importanti sali minerali tra i quali ferro, zinco, selenio e potassio. Si pensi che una porzione di salumi può coprire dal 24% (Pancetta Piacentina) al 68% (Coppa Piacentina) del fabbisogno giornaliero di zinco e che le carni e i suoi derivati rappresentano la principale fonte di selenio nella dieta . Altro significativo dato emerso la riduzione di lipidi e di sale.Quanto emerso rassicura ancor più il consumatore sull’utilizzo dei salumi in generale e in particolare delle DOP piacentine che si collocano tra i capolavori alimentari di cui il nostro territorio da sempre si vanta. Al termine della giornata lo chef Max Mariola ha condotto uno showcooking nella preparazione di panini gustosi con i vari salumi italiani. “ Il Piacente“ ha denominato il panino con la coppa Piacentina DOP, e nome non è stato più appropriato tanto che in un battibaleno tutti i “Piacenti” preparati sono spariti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salumi piacentini: tutto il buono dei nostri Dop

IlPiacenza è in caricamento