Sandvik, De Micheli al ministero dello Sviluppo Economico: «Convocare la proprietà a Roma»

Paola De Micheli, giovedì 8 maggio andrà a Roma per portare all'attenzione del Ministero la situazione dello stabilimento Sandvik di S.Polo: «Se non si salva questo sito potrebbero perdere il posto di lavoro 57 dipendenti e 40 lavoratori dell'indotto»

L'incontro che si è tenuto alla Camera del Lavoro

«Nonostante l'annunciata chiusura dell'azienda, continuano ad arrivare gli ordini, se non si salverà lo stabilimento di S. Polo, non solo perderanno il posto i 57 dipendenti, ma sono a rischio altri 40 lavoratori dell'indotto». E' quanto hanno riferito i rappresentanti sindacali della Sandvik di S. Polo di Podenzano alla vicepresidente vicario del gruppo Pd alla Camera Paola De Micheli, nel corso dell'incontro che si è tenuto alla Camera del Lavoro, alla presenza del segretario provinciale della Cgil Gianluca Zilocchi, di Ivo Bussacchini della Fiom e di Luigi Bernazzani della Fim Cisl.

«Chiederò che al Ministero dello Sviluppo Economico sia convocata la proprietà – ha affermato la De Micheli, che ha in programma un incontro a Roma giovedì 8 maggio – e che siano attentamente valutate tutte le soluzioni per mantenere produttivo il sito di S. Polo». I rappresentanti dei lavoratori hanno infatti spiegato che la situazione dello stabilimento non giustifica per nulla la sua dismissione: è uno dei più efficienti in termini di produttività dell'intero gruppo Sandvik.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«I lavoratori hanno evidenziato – riferisce Paola De Micheli – che il mercato italiano alimenta la domanda degli utensili prodotti nello stabilimento piacentino, per questo non possiamo permettere che venga smantellata una fabbrica efficiente e pienamente operativa. Se la Sandvik ha deciso di riorganizzare la propria attività a livello mondiale, occorre perseguire altre strade per salvare il sito di S. Polo, per questo è necessario che portare la vicenda all'attenzione del Ministero. E' quanto farò nell'incontro in programma l'8 maggio prossimo». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento