Fondazione, il presidente Scaravaggi rassegna le sue dimissioni

Al termine di un un lungo consiglio in Fondazione di Piacenza e Vigevano, Francesco Scaravaggi lascia l'incarico di presidente, dopo aver visto respinta la sua proposta di riazzeramento dei vertici

L'ingegner Francesco Scaravaggi (repertorio)

L'ingegner Francesco Scaravaggi, presidente della “Fondazione di Piacenza e Vigevano”, nel consiglio del 16 giugno ha chiesto la revoca dell’intero Cda dell’ente nato dalla ex Cassa di Risparmio omonima. Non avendo tuttavia ottenuto la maggioranza (almeno 13 consiglieri), Scaravaggi ha perciò - di conseguenza - deciso di rassegnare le sue dimissioni. La Fondazione rimane così senza la sua guida, dopo le polemiche delle ultime settimane sull’investimento in Banca Monte Parma effettuato dalla precedente gestione Marazzi. I consiglieri saranno chiamati nelle prossime settimane a votare il nuovo presidente. Tra le candidature più accreditate per la successione, sembrerebbe essere l’imprenditore Sergio Giglio – sfidante di Scaravaggi un anno fa per la presidenza – il nome più in vista tra gli attuali componenti del consiglio di via Sant’Eufemia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non tardano ad arrivare i primi commenti dal mondo politico. «È finita come doveva finire» dichiarano a caldo Tommaso Foti ed Erika Opizzi di Fratelli d’Italia. «Avevamo più volte consigliato al presidente Scaravaggi nei giorni scorsi di dimettersi, evitando così di esporsi a brutte figure. Ha creduto di potere sbaragliare il campo ed è finito colpito e affondato. Chi nelle istituzioni lo ha consigliato a resistere, a partire dal sindaco Dosi, non gli è stato certo di aiuto. Ora non resta che avere il coraggio di ripartire. Marciare per non marcire».  «Ora un presidente forte, autorevole – sostiene il consigliere di “Piacenza Viva” Marco Colosimo e decisionista per il bene di Piacenza e dei piacentini. La fondazione può far tanto ed oggi più che mai è necessaria una ristrutturazione economica e dirigenziale. Piacenza Viva accoglie con soddisfazione la decisione del presidente Scaravaggi, personalmente degnissimo, ma probabilmente inadatto a governare un ente e un patrimonio indispensabile per lo sviluppo della nostra città. La Fondazione oggi ha bisogno più che mai di una governance forte e soprattutto attenta ai dettagli per non ripetere i catastrofici errori fatti nel passato. La ristrutturazione inizia oggi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento