rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Settore logistica

Scioperano i lavoratori del marchio del lusso “Burberry”

Logistica, presidio in corso davanti ai cancelli di via Strinati. Filt Cgil e Fit Cisl: «Vogliamo risposte su inquadramenti e ticket»

Lavorano per uno dei grandi marchi del segmento “lusso” dell’abbigliamento mondiale, che a Piacenza ha il suo cuore logistico, e sono in sciopero da stamattina per chiedere giusti inquadramenti e livelli contrattuali, l’aumento dei buoni pasti fermi a poco più di 5 euro da anni e il superamento «delle discriminazioni per il premio di risultato, riconosciuto ad alcuni e negato ad altri che fanno il medesimo lavoro».

I lavoratori di Burberry di Piacenza sono in sciopero. A Piacenza, dove in via Strinati lavorano sia i dipendenti diretti sia quelli in appalto in un magazzino adiacente (dipendenti di Nippon Express e Trend log), e a Cortemaggiore, in via Rossetti, dove si gestiscono altri marchi dell’abbigliamento. Circa 150 lavoratori coinvolti dallo sciopero a cui Filt e Fit sono arrivati dopo diversi incontri con le aziende coinvolte.

«Il 16 aprile – spiegano Filt Cgil e Fit Cisl con i segretari generali Tarenchi e Buono – abbiamo avuto un incontro con la parte datoriale che non ha portato a passi avanti: da tempo chiediamo i giusti livelli e inquadramenti contrattuali e l’aumento del ticket mensa a 8 euro, le risposte sono sempre state “tra sei mesi” e passato questo tempo buttavano ancora la palla in tribuna. Dopo un’assemblea con i lavoratori coinvolti dalla vertenza, passata dall’apertura dello stato di agitazione la settimana scorsa, la decisione unanime dei lavoratori è stata quella dello sciopero. Vogliamo risposte ai temi che poniamo da tempo: non possiamo più aspettare». In corso un presidio in via Strinati dove si sono dati appuntamento anche i lavoratori di Cortemaggiore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scioperano i lavoratori del marchio del lusso “Burberry”

IlPiacenza è in caricamento