rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Economia

Sciopero a Ikea, Filt Cgil: «Coop San Martino vuole modificare elementi del contratto nazionale»

Per il cambio appalto che riguarda circa 150 lavoratori del deposito 1. Martedì 4 agosto i lavoratori hanno deciso di riattivare la protesta per lo stallo delle trattative

E' ancora sciopero all' Ikea di Piacenza. A dichiararlo la Filt Cgil per il cambio appalto che riguarda circa 150 lavoratori del deposito 1. A fine giugno era stato dichiarato un primo sciopero, poi sospeso per un mese nel corso del quale erano decollate le trattative tra parti sociali, Ikea e cooperativa San Martino. Ieri, martedì 4 agosto, i lavoratori hanno deciso di riattivare la protesta per lo stallo delle trattative.  

«La scrivente FILT CGIL di Piacenza – si legge nella nota inviata all’Ispettorato territoriale del lavoro - richiede la convocazione di un tavolo di confronto da tenersi presso la Vostra sede Territoriale di Piacenza (in presenza o in modalità videoconferenza), ai sensi del CCNL Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni del 3.12.2017, art. 42, per l’espletamento della procedura di cambio appalto, con stesura di relativo Verbale, presso l’appalto IKEA Italia Distribution srl, – deposito DC1, sito in Strada Caorsana, 137 – Località Le Mose 29122 Piacenza. Il cambio appalto avverrebbe dal 01 settembre 2020 fra la Cooperativa Sigma (uscente) e la Cooperativa San Martino (subentrante) e la motivazione della presente richiesta è che il soggetto subentrante chiede pervicacemente di negoziare alcuni elementi che, ai sensi del CCNL Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni del 3.12.2017, art. 42 (clausola sociale) sono a nostro avviso indisponibili, bloccando di fatto il confronto che deve necessariamente concludersi entro il 31.08.2020 con la definizione di un Verbale di cambio appalto».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero a Ikea, Filt Cgil: «Coop San Martino vuole modificare elementi del contratto nazionale»

IlPiacenza è in caricamento