menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sciopero poste, Cgil: «Ringraziamo lavoratrici e lavoratori. L'azienda ci dia le risposte necessarie»

È stata alta l’adesione delle lavoratrici e dei lavoratori di Poste Italiane SpA in Emilia-Romagna allo sciopero di lunedì 1 marzo proclamato da SLC-CGIL. Centinaia gli uffici postali chiusi

È stata alta l’adesione delle lavoratrici e dei lavoratori di Poste Italiane SpA in Emilia-Romagna allo sciopero di oggi proclamato da SLC-CGIL. Centinaia gli uffici postali chiusi, e punte di adesione allo sciopero significative anche per i Centri di recapito e di smistamento. Tutti gli ambiti aziendali hanno dato risposte soddisfacenti. La conferma di uno sciopero legittimo e opportuno dopo che i tavoli regionali non hanno dato risposte alle tematiche oggetto del conflitto.

Lo sciopero proclamato da SLC-CGIL a livello regionale ha portato all’evidenza dell’opinione pubblica le criticità presenti all’interno dell’azienda: la riduzione progressiva degli organici, il ridimensionamento del servizio postale come servizio pubblico essenziale e universale, il peggioramento delle condizioni lavorative, le pressioni commerciali, i disservizi per i cittadini.

«Stiamo parlando di una categoria, in un anno di emergenza sanitaria, che ha continuato a lavorare anche in condizioni di estrema difficoltà. Il nostro impegno è quello di proseguire con l’iniziativa sindacale  fino a quando non avremo risposte e soluzioni adeguate alle problematiche oggetto del conflitto, a partire dalla carenza di organico in tutti gli ambiti aziendali a livello regionale, dal miglioramento delle condizioni di lavoro, dalla necessità di stabilizzare i lavoratori precari e di avere nuove sportellizzazioni» si legge nella nota. «Saremo sempre al fianco delle lavoratrici e dei lavoratori di Poste, che hanno compreso e condiviso le ragioni dello sciopero e capito dove stanno i veri interessi di bottega. Agli amici di Slp-Cisl e Uilposte vorremmo ricordare che pensare unicamente al bene dell’azienda non sempre coincide con gli interessi dei lavoratori. Nel momento in cui ci si renderà conto di questo, ci troveremo di nuovo a lavorare insieme per un percorso unitario al fine di tutelare al meglio i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori di Poste Italiane SpA in Emilia-Romagna».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Il giardino di via Negri è un ritrovo di spacciatori»

Attualità

Usb: «Non saremo con i Si Cobas davanti alla Cgil»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento