Selta in amministrazione straordinaria, il 95% dei lavoratori a zero ore. Chiesto un tavolo al ministero

Sindacati e istituzioni chiedono di aprire un tavolo al Ministero dello sviluppo economico per agevolare una soluzione nei confronti dell'azienda di Cadeo

Selta in amministrazione straordinaria e ormai non lavora più nessuno. Per questo sindacati e istituzioni chiedono di aprire un tavolo al Ministero dello sviluppo economico. Queste sono le principali novità che riguardano l’azienda di Cadeo, entrata in una crisi economica profonda e costretta a portare i libri in tribunale (a Milano, sede legale dell’azienda che ha anche uno stabilimento a Tortoreto, in Abruzzo). Hanno fatto il punto della situazione sulla vertenza Selta, nella Camera del Lavoro, Massimo Bongiorni e Giuseppe La Face (Rsu Selta) con Luigi Bernazzani (Fim Cisl) e Maurizio Mori (Cgil).

«Siamo stati convocati dall’azienda in Confindustria – ha spiegato Mori - perché ha aperto una procedura di cessione. L’azienda avrebbe un potenziale futuro, aveva ancora delle commesse, lavoro ce ne sarebbe. Selta ha dichiarato in una nota che sono costretti a portare i libri in tribunale perché i sindacati non gli han permesso di fare il concordato. La domanda di concordato annunciata a dicembre è stata ritirata e al suo posto hanno proposto una amministrazione straordinaria, per vedere se si riesce a risanare l’azienda o cederla». I sindacati non hanno però molta fiducia. «Nel piano proposto dall’azienda per la cessione c’era il licenziamento di cento persone e la chiusura dello stabilimento di Tortoreto. Ecco il loro piano per metterla sul mercato. Non avevano conoscenza di chi fosse l’acquirente eppure dettavano le condizioni. Un salto nel buio che noi come sindacati non potevamo sicuramente appoggiare». Il Cda di Selta è decaduto in seguito alle dimissioni di tre dei cinque componenti, è stato perciò nominato un amministratore unico dell’azienda. Intanto la gran parte dei lavoratori di Cadeo è in cassa integrazione a zero ore.

«Regione, Provincia e il comune di Cadeo – spiega Mori - sono con i lavoratori e si rendono disponibili per convocare un tavolo al ministero dello sviluppo economico. L’auspicio è di cercare di salvare l’azienda ora in amministrazione straordinaria, ma il come non lo sappiamo». L’azienda aveva ancora contratti che non è riuscita a onorare per motivi finanziari, ha accumulato debiti. Più soldi portava a casa, più ne perdeva negli ultimi anni. «Il 95 per cento dei lavoratori di Selta – ha detto Bernazzani - è in cassa integrazione a zero ore. Stiamo parlando di un’azienda che non sempre ci ha detto le cose come stanno e ora provano a dare la responsabilità a lavoratori e sindacati. Nelle assemblee si è anche parlato di abbassare il costo del lavoro per mantenere in vita l’azienda, cosa per altro già fatta in passato. La nostra disponibilità c’è stata». Ora i sindacati attendono la convocazione al Mise.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento