Sforza Fogliani: «La politica dia risposte sull’immobiliare»

L'intervento del presidente del Centro Studi di Confedilizia Corrado Sforza Fogliani

Corrado Sforza Fogliani

«Confedilizia fa una richiesta molto chiara, a mezzo del suo Presidente Giorgio Spaziani Testa: che si inizi ad affrontare il tema del rilancio del settore immobiliare, uscendo dal circolo vizioso che porta molti a limitare l’attenzione al tema della tassazione sulla prima casa. L’immobiliare non è solo la prima casa. L’immobiliare è un comparto dell’economia che – grazie al suo sterminato indotto – consente come nessun altro, se non è bloccato da vincoli normativi e fiscali, di favorire lo sviluppo e la crescita dell’intero Paese. Il quadro non è positivo. L’edilizia solo in Italia non sta registrando segnali di ripresa. Eurostat, difatti, rileva che il nostro Paese è il solo in Europa in cui  i  prezzi  delle abitazioni  (e  cioè  il valore dei risparmi  delle  famiglie)  continuano  a  scendere. Sull’immobiliare gravano 50 miliardi di euro annui di tributi, la metà dei quali di tipo patrimoniale (cioè, indipendentemente dal reddito che si percepisce, o non si percepisce). Quella fiscale è la prima emergenza da affrontare, con misure incisive. Bisogna perseguire il ritorno al livello di imposizione locale pre-Monti (dai 9 miliardi dell’Ici si è arrivati ai 21 di Imu e Tasi e sono ancora tassate molte “prime case”, quelle impropriamente definite di lusso), abbandonando il criterio patrimoniale. Va prevista la deducibilità dei tributi locali dall’imposta sul reddito, come avviene in molti Paesi. È necessario estendere la cedolare secca sugli affitti, il cui successo è stato certificato dal Def dello scorso anno, a tutti i contratti di locazione. Occorre stabilizzare la cedolare del 10% sugli affitti a canone calmierato e fissare un limite alla tassazione Imu-Tasi sulle case locate con questi contratti. Va eliminata l’assurda regola della tassazione dei canoni di locazione non percepiti e ripristinata la deduzione del 15% per i redditi da locazione (ridotta al 5% dal Governo Monti). Devono essere adottate misure specifiche per salvaguardare i grandi investitori dell’immobiliare, così come si impongono politiche nuove per la riqualificazione delle città. È necessario liberalizzare i contratti di locazione di immobili non abitativi, ingessati da una legislazione vincolistica risalente a 40 anni fa (la legge sull’equo canone del ’78). Bisogna fornire maggiori garanzie ai proprietari ai fini del rientro in possesso dell’immobile in caso di finita locazione o morosità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento