menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un momento dell'evento

Un momento dell'evento

StartCup regionale, Piacenza e Parma sono le province con più finalisti

Dopo durissime selezioni, le imprese sono state accompagnate dagli esperti di Aster, DPixel e Federmanager lungo il percorso che le ha condotte alla finalissima, nella quale Piacenza è risultata la provincia con il massimo numero di finalisti, successo condiviso con Parma

Si è svolta lunedì 26 ottobre a Bologna, nella splendida cornice dell'oratorio San Filippo Neri, la finale della StartCup Emilia Romagna 2015. Un'iniziativa organizzata da Aster e curata da DPixel e dall'associazione TechGarage, alla quale il territorio piacentino partecipa da tre anni, grazie all'impegno dell'Amministrazione comunale, della Camera di commercio e di Piacenza Expo.

Presentata da Laura Gramuglia di Radio Capital e curata da Gianluca Dettori di Dpixel, la tappa finale della manifestazione - durata quattro mesi - ha fatto registrare grandi soddisfazioni per Piacenza, il cui territorio è stato protagonista in regione con il numero più alto di idee proposte tra tutte le province partecipanti (ad esclusione di quella di Bologna). Dopo durissime selezioni, le imprese sono state accompagnate dagli esperti di Aster, DPixel e Federmanager lungo il percorso che le ha condotte alla finalissima, nella quale Piacenza è risultata la provincia con il massimo numero di finalisti, successo condiviso con Parma. Cinque le realtà piacentine protagoniste: Volt, ByEnto, Waste On Food, MiFinUp e Art.

Volt, start up presentata da Matteo Lotti? con Riccardo Fagioli? e Gianmarco Orlandi,? ha proposto il progetto di scooter sharing in ambito urbano per la sostenibilità, già premiato alla Start Cup Piacenza e realizzato da un gruppo di giovani protagonisti di un percorso all'interno di un corso della laurea in Management dell'università Cattolica di Piacenza.

Waste on Food, presentata da Giorgia Spigno con Guillermo Duserm Garrido e Laura Marinoni, realizza prodotti ricchi di fibre e antiossidanti dalla trasformazione dei sottoprodotti dell'industria enologica, un'iniziativa dal promettentissimo futuro commerciale, nata nella facoltà di Agraria dell'università Cattolica di Piacenza.

Vincitore del premio FinTech dedicato all'innovazione finanziaria, il progetto  MiFinUp, presentato da Riccardo Grazioli e realizzato da un team di esperti, propone un'idea innovativa nella gestione del microcredito, nata dopo una tesi di laurea in università Cattolica e sviluppata all'interno del percorso regionale Spinner.

Art (Apta Regenerative Technologies) invece, classificatasi seconda nella finalissima, si occupa di rigenerazione di tessuti implantabili con una metodica innovativa. Il ricercatore che ha presentato l'impresa è il piacentino Carlo Galli dell'università di Parma che ha dichiarato la sua intenzione di avviare l'impresa a Piacenza.

Infine, ByEnto che ha vinto la Start Cup 2015 Emilia Romagna con la sua idea di sviluppo e applicazione della modalità di allevamento e gestione degli insetti per realizzare prodotti utili al comparto zootecnico e ai mangimifici. L'idea è stata proposta da Francesco Meles, Maria Cristina Reguzzi, Stefano Filios, Donato Lo Re e Irina Vetere, un gruppo di ricercatori e studenti delle facoltà di Agraria ed Economia e Giurisprudenza dell'università Cattolica di Piacenza.

"Una grande soddisfazione per il nostro territorio – ha dichiarato il vicesindaco Francesco Timpano, presente a Bologna in qualità di giurato - e un grande risultato che ha premiato lo sforzo di giovani e meno giovani impegnati sulla frontiera dell'innovazione nella rete delle università, dei laboratori e della ricerca piacentina, oltre che nelle relazioni con le imprese del territorio. In questi mesi abbiamo lavorato per dare a queste idee più di una vetrina, compresa quella di Expo, affinché le start up potessero affinarsi, migliorarsi e presentarsi sul mercato. Il risultato finale è splendido e ci lascia ben sperare per il futuro. E’ vero che le startup sono imprese spesso primordiali e talvolta deboli, ma queste sono basate sulla ricerca e sulla conoscenza e hanno di certo gambe ben più solide di altre. Mi aspetto da loro grandi cose nel futuro. Noi le sosterremo con altre iniziative che annunceremo nelle prossime settimane».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento