Tasse sui rifiuti: anche a Piacenza si può chiedere il rimborso dell'Iva

Una sentenza della Corte Costituzionale affema che Tia e Tarsu sono da considerarsi tributi e non servizi e quindi non sono soggetti a Iva. Sarà possibile chiedere i rimborsi, per un totale di 350 euro a famiglia

Tia (tassa igiene ambientale) e Tarsu (Tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani) sono da considerarsi ufficialmente dei tributi. Questa, che a primo acchitto sembra un'ovvietà, è una realtà scaturita dalla recente sentenza della Corte Costituzionale che a luglio ha risolto il dubbio se considerare Tia e Tarsu tributi o servizi.

La distinzione non è di poco conto: in quanto tributo infatti Tia e Tarsu non possono essere oggetto di Iva e quindi le aziende che hanno emesso bollette con l'aggiunta di questa maggioraziona saranno tenute ai rimborsi.
 
La Corte Costituzionale sostiene che tale natura di tributo possa desumersi da alcuni elementi inequivocabili, come ad esempio la doverosità della prestazione che caratterizza la normativa atta a disciplinare i prelievi, l’assenza di un rapporto sinallagmatico (vale a dire di reciprocità ) tra le parti, e il collegamento della prestazione pubblica a un presupposto economico rilevante.

In termini numerici in tutta Italia ci sono ben 15 milioni di famiglie che dovranno fare ricorso per ottenere il rimborso del 10% dell’Iva non dovuta e versata negli ultimi dieci anni. Tra queste anche le famiglie piacentine, il cui numero però al momento l'Udicon non è riuscito a stimare. In media, l’importo da rimborsare ad ogni famiglia si aggira intorno ai 350 euro, con un costo globale per lo Stato, o per l'ente pubblico che dovrà erogare i rimborsi, di circa 5 miliardi e 250 milioni di euro.

Soddisfazione  per la sentenza è stata espressa dal presidente nazionale dell'associazione consumatori Udicon Denis Nesci: “Ci siamo battuti a lungo per questa sentenza che rende giustizia di ciò che dicevamo da tempo. Ora saremo al fianco dei consumatori per presentare i ricorsi”.

L’Unione per la Difesa dei Consumatori, come sempre, è a completa disposizione per qualunque tipo di informazione attraverso il numero verde 800.305.503 e l’indirizzo e-mail info@udicon.org

Scarica il modulo per il rimborso
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Incidente a San Rocco, chiuso temporaneamente il ponte di Po

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento