Olio extravergine "Terre di Gropparello", un anno di qualità e successi

L’associazione "Terre di Gropparello" ha presentato lo scorso 20 febbraio i risultati del primo anno di attività. Il progetto olivicolo si è così tratteggiato: 24 soci, 2mila e 500 piante messe a dimora in due anni, un frantoio di proprietà, 24 quintali di prodotto. Gli assessori Paparo e Allegri: "Un progetto che valorizza il territorio"

olio-atgL'associazione "Terre di Gropparello", ha presentato lo scorso 20 febbraio, nell’incantevole cornice della Taverna medievale del Castello di Gropparello, le attività ed i traguardi che hanno contrassegnato il primo anno di vita dell’associazione autoctona illustrando nuovi progetti e futuri obiettivi.

Alla presenza di un prestigioso parterre di presenze istituzionali tra cui gli assessori provinciali Filippo Pozzi, Davide Allegri e Andrea Paparo, gli onorevoli Tommaso Foti e Massimo Polledri e il presidente Coldiretti Luigi Bisi, sono stati resi noti i primi importanti risultati di questo primo anno di attività che hanno portato ad interessanti collaborazioni e consolidato la collaborazione tra l’assessorato all’Agricoltura della Provincia e l’associazione "Terre di Gropparello".

IL PROGETTO - Il progetto olivicolo ATG presente e futuro: 24 soci, 2.500 piante messe a dimora in due anni, un frantoio di proprietà, 24 quintali di prodotto. Questi i primi numeri che contraddistinguono ed evidenziano l’impegno e la volontà dell’associazione nel voler strutturare in modo organico e fruttuoso l’attività di una nascente realtà agricola imprenditoriale mirata allo sviluppo e alla valorizzazione del territorio e nello specifico, rivolta alla produzione olivicola di qualità.

L'OLIO - L’extravergine "Terre di Gropparello" è un olio che si fregia della certificazione dell'Università di Bologna, sede di Cesena, che ne attesta l’elevato standard qualitativo, risultato dell’applicazione di un rigoroso disciplinare condiviso e messo in pratica da tutti i soci produttori. Un prodotto, è stato detto, dalle forti potenzialità sia per il posizionamento nel mercato, che lo porranno tra le eccellenze del territorio piacentino, che per il ritorno in termini di redditività e di crescita dei piccoli imprenditori agricoli che credono e investono nelle produzioni certificate di qualità.
 
IL FUTURO - Ma il cammino è appena iniziato e gli obiettivi prefissati molteplici. Primo fra tutti l’implementazione degli impianti olivicoli attraverso il coinvolgimento di nuovi soci e imprenditori, un’intensa attività di promozione per la valorizzazione e la notorietà del prodotto, un costante rapporto con gli enti territoriali per garantire sostegno e collaborazione agli associati ed, in ultimo, la valutazione degli investimenti necessari per incrementare ed ottimizzare la produzione e la raccolta.

L'EDUCAZIONE ALIMENTARE - L’associazione "Terre di Gropparello" promuoverà, con il sostegno della Provincia di Piacenza e con la collaborazione dell’Istituto di Scienze degli Alimenti e della Nutrizione dell’Università Cattolica di Piacenza il progetto di educazione alimentare e di valorizzazione del territorio “L’olio extravergine sulle nostre tavole”. E' questo un altro importante progetto che l’associazione "Terre di Gropparello" intende promuovere, con il sostegno della Provincia di Piacenza e con la collaborazione dell’Istituto di Scienze degli Alimenti e della Nutrizione dell’Università Cattolica di Piacenza, nei confronti delle scuole e dei consumatori del territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

UN PERCORSO TRIENNALE - Un progetto educativo sull’alimentazione da intraprendere attraverso un percorso triennale che intende raggiungere alcuni specifici obiettivi: affrontare i principi generali della nutrizione per un corretto e salutare stile di vita; approfondire il ruolo degli oli e dei grassi e più specificamente quello dell’extravergine d’oliva quale alimento da conoscere e riconoscere per le sue peculiari qualità informare circa l’olivicoltura che si sta sviluppando sul territorio. 
 
LA FORMAZIONE - Il progetto “L’olio extravergine sulle nostre tavole” si concretizzerà attraverso schede didattiche, formazione agli educatori che aderiranno alla proposta, iniziative collaterali  quali concorsi, laboratori e uscite sul territorio. Un grande impegno che vedrà nella sua realizzazione il coinvolgimento di esperti afferenti a varie aree del sapere al fine di informare e divulgare in merito ad un aspetto fondamentale del nostro benessere legato anche ai prodotti di qualità del territorio e alle realtà agricole/imprenditoriali ad esso collegate.
 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento