Terrepadane, anche per la viticoltura il meglio della tecnologia

Il Consorzio Agrario Terrepadane, al suo Centro Macchine in Viale dell’Agricoltura, propone una serie di giornate dedicate ai vari settori produttivi, che culmineranno con l’inaugurazione del Farmstore di Sabato 25 novembre

Da qualche anno non c’è settore del comparto agroalimentare che non sia coinvolto in un processo di rinnovamento tecnologico, il che significa riduzione dei costi, ottimizzazione delle produzioni ed investimenti mirati. Nella sua “filosofia” di supporto al lavoro dei soci, come di tutto il mondo agricolo, il Consorzio Agrario Terrepadane, al suo Centro Macchine in Viale dell’Agricoltura, propone una serie di giornate dedicate ai vari settori produttivi, che culmineranno con l’inaugurazione del Farmstore di Sabato 25 novembre. 

Oggi in programma le novità per la viticoltura, con l’incontro per illustrare le innovazioni per uno dei settori trainanti dell’agricoltura di collina piacentina, come per tutto l’Oltrepò Pavese. Presenti il presidente Luigi Bisi ed il direttore generale Dante Pattini, è spettato al responsabile macchine Luigi Bongiorni, fare gli onori di casa per i numerosi agricoltori convenuti, unitamente a Davide Vercesi agronomo responsabile per il vigneto, "perché - è stato ribadito - settore macchine, ovvero la tecnologia e corrette pratiche agronomiche, operano in cogente sinergia".

«Grazie a questa nuova prestigiosa sede - ricorda Bongiorni- abbiamo programmato per l’autunno queste giornate; quella di oggi è dedicata al settore vitivinicolo; tra le novità una straordinaria vendemmiatrice che sarà presentata ufficialmente al Si.Te.Di di Montepellier. Un’altra importante innovazione concerne le macchine speciali per vigneti e frutteti, con cabina pressurizzata a livello 4, l’unico trattore dotato di livello 4, la massima sicurezza per l’operatore durante i normali trattamenti. Naturalmente in questo contesto- serve una totale sinergia con gli esperti agronomi, per tempestive operazioni pre e per raccolta». 

«Operiamo - garantisce Vercesi - in totale sintonia con il settore macchine perché le nuove tecnologie determinano riduzione dei costi, consentono di lavorare meglio e tutelare la salute dell’operatore. Anche la raccolta meccanica sta entrando di prepotenza nelle nostre colline ed in quelle delle province limitrofe e necessita di pali, fili, ancore, macchine idonee per le potature, oltre naturalmente le giuste valutazioni fenologiche e di raccolta che avviene rapidissima ed è uniforme. Fondamentale quindi l’agricoltura di precisione di cui Terrepadane è all’avanguardia ed integrazione tra agronomo ed operatore». Ma anche un sempre più importante utilizzo dei droni per le mappe di vigore e l’analisi dei terreni aiuterà i viticoltori ad operare sempre meglio, tutelando la qualità dei nostri straordinari vini. Terrepadane è al servizio dei territori in cui è presente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento