Tesoretto nucleare, niente fondi a Cremona. Il presidente della provincia Torchio attacca e il sindaco di Caorso ribatte

Tesoretto nucleare solleva querelle fra Cremona, Piacenza e Caorso. Niente soldi alla prima e messa a tacere la seconda dal sindaco Callori. E delle risorse 2007 sul nucleare, restano ancora da avere e da dividersi, 8 milioni di euro

I fondi per lo smaltimento del nucleare, stabiliti dalla legge 368 del 2003, sono il motivo dell'amaro sfogo di Giuseppe Torchio, presidente della Provincia di Cremona. Accusati: il titolare di Palazzo Uffici, Boiardi e il sindaco di Caorso, Callori, reduci dalla riunione romana dell'Anci – associazione nazionale dei comuni italiani. Non sono state rispettate, a detta di Torchio, le linee concordate insieme prima della riunione di Roma. Si chiedeva una modifica della legge che eroga i fondi per i siti ex-nucleari, poiché Cremona non figura nell'elenco.

“Non sono mai stati devoluti soldi per i territori che come Cremona, hanno speso e spendono per centri di decontaminazione di primo e secondo livello, attrezzatura, piani di intervento, protezione civile e formazione” ha dichiarato. Ma, pronto, ribatte Callori che sottolinea come “la legge non vada modificata e che rimangono interessate le otto Province attuali”. Cremona a bocca asciutta, ma non è la sola destinataria delle precisazioni del sindaco di Caorso.

Anche Boiardi, presidente della Provincia di Piacenza, si prende la sua parte di rimbrotti. La querelle, qui, è un'altra. Boiardi, ieri, ha attaccato il sindaco Callori sulla gestione del tesoretto nucleare.

Puntuale, arriva la replica dell'accusato. “Se la Provincia ha avuto risorse e ne avrà altre a breve, è grazie a Caorso e sono fondi piovuti addosso, perché non solo questo ente non ha fatto nulla per ottenerli, ma anche messo i bastoni tra le ruote. Le dichiarazioni di Boiardi sono fuori luogo e il Comune di Caorso è in grado di gestire e utilizzare le risorse”.

Tesoretto motivo del contendere, dunque, anche perchè le risorse non sono poche. La legge stabilisce un “risarcimento” di 184 milioni di euro, da dividere fra le 8 Province che hanno ospitato siti nucleari. All'appello, mancano ancora 8 milioni di euro del 2007. Ancora da erogare (si è in attesa del Decreto del Ministero dell'Ambiente) e da dividere.



Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Annega nel Po per salvare il suo cane finito in acqua

  • Quattro feriti nello scontro sulla via Emilia

  • Rischia di annegare nella piscina di casa, salvata

  • Bonus Covid da 600 euro ai parlamentari, la Lega sospende il deputato piacentino Elena Murelli

  • Bonus covid ai parlamentari, la piacentina Murelli accusata dai giornali replica «No comment»

  • Precipita dal balcone di casa nella notte, grave 30enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento