Un concorso di idee per ridare vita all'ospedale

Confindustria Piacenza ed Ance Piacenza pensano già al futuro dell'area del "Guglielmo Da Saliceto". Pronto un concorso di idee rivolto agli architetti iscritti all'ordine

«Un concorso di idee per il futuro dell’area dell’attuale ospedale». È la proposta di Confindustria e Ance, che si proiettano già nella Piacenza dei prossimi dieci anni, ovvero quando l’attuale nosocomio “Guglielmo da Saliceto” andrà in pensione per fare spazio al nuovo ospedale. L’idea è emersa dopo un confronto con l’Ordine degli architetti. Verranno così selezionate proposte di progetti di riqualificazione urbana e di nuovi interventi, coerenti con gli attuali strumenti urbanistici cittadini, o con varianti agli stessi, volti a valorizzare gli ambiti pubblici o ad uso pubblico, attuando un processo di definizione formale di spazi all’interno dell’attuale area ospedaliera della città di Piacenza. Presenti alla presentazione del concorso – i dettagli sono pubblicati sul sito di Confindustria Piacenza - Guya Bertelli per il Politecnico, l’assessore Silvio Bisotti per il Comune di Piacenza, il direttore generale Ausl Luca Baldino, il direttore Cesare Betti e il presidente di Confindustria Alberto Rota insieme al vice Maurizio Croci. 

«È una sfida - ha spiegato proprio Croci - per non lasciare vuoto uno spazio urbano nel centro città. Il dibattito non deve iniziare quando il nuovo ospedale sarà pronto.  L’Ausl ha fornito tutta la documentazione necessaria per preparare il bando». Coinvolta anche la Camera di Commercio, il Comune di Piacenza, l’Ordine degli architetti e il Politecnico. Il bando (attivo fino al 28 giugno) è aperto solo agli architetti iscritti all’ordine. «Abbiamo istituito questo progetto – ha aggiunto Alberto Rota, presidente di Confindustria – per costruire uno spirito e pensare a cosa fare quando verrà realizzato il nuovo ospedale. Bisogna recuperare lo spazio attuale e promuovere delle idee: con qualche project financing bisogna dare vita a un recupero e poi vendere l’area. Non possiamo pensare di costruire lì dei palazzi, Piacenza ha già troppi edifici liberi: è un’area accessibile, ci si può andare a piedi e in bicicletta. Potrebbe diventare un incubatore di piccole aziende, un altro Tecnopolo, o spazi di co-working tra più aziende. «Fin da subito – ha commentato Baldino - sia noi che l’assessore regionale Venturi, siamo d’accordo che bisogna avere fin da subito un’idea chiara di cosa fare di quello spazio. Non è possibile lasciare un vuoto urbanistico nel centro città. Il percorso va avviato adesso, non possiamo arrivare fra otto anni senza un progetto. La città ha un bisogno disperato del nuovo ospedale e di spazi diversi. Ci vuole un sito ad alta accessibilità. Penso che la zona dell’attuale Polichirurgico sia strategica per la città, infatti il centro prelievo rimarrà nell’attuale struttura. Ringrazio Confindustria per questo concorso, l’area potrà diventare un “gioiellino”». Baldino ha poi aggiunto: «L’obiettivo primario non è far cassa per l’azienda. Potremmo anche, laddove c’è qualche costruzione, pensare di implementare il verde». L’Ausl monetizzerà dalla vendita di quell’area qualcosa: perciò ci sarà una parte vincolata, una parte che rimarrà al pubblico, e una parte data ai privati.

«Ottima sfida anche per noi – ha commentato Bertelli - e per i nostri giovani architetti. Una sfida per la popolazione, una risorsa che Piacenza deve cogliere. Non dobbiamo costruire qualcosa di nuovo, ma sull’esistente». «Giusto – ha aggiunto Bisotti - pensare a questo tema. Un’amministrazione comunale da sola può fare poco. Sul riuso e la riqualificazione di strutture a aree militari, demaniali e comunali ci sono già diverse sfide in corso. Questa sarà una sfida complessa da affrontare con uno sguardo lungo e con ampiezza. Speriamo di essere pronti tra qualche anno con delle idee». Il concorso prevede dei premi: 8mila per l’idea più apprezzata, 2mila al secondo posto, e menzioni speciali al terzo e quarto classificato. La proclamazione dei vincitori si terrà a fine settembre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio porta il coniuge trans a prostituirsi: «Arrotondiamo il bilancio familiare», denunciati

  • Coronavirus, la curva rallenta ma ci sono ancora 25 morti: in tutto 447 da inizio epidemia

  • La situazione nei comuni piacentini aggiornata al 24 marzo

  • La situazione nei comuni del Piacentino aggiornata al 25 marzo

  • Stop attività produttive non essenziali e assembramenti con più di due persone: nuova ordinanza antivirus a Piacenza

  • Covid-19, l’aggiornamento sui casi positivi nel Piacentino del 23 marzo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento