«Un fondo governativo anche per il salvataggio del risparmio cooperativo»

Federconsumatori Piacenza, Sunia e il Comitato a difesa dei soci Indacoo avanzano la richiesta al Parlamento

«Il tracollo delle cooperative - scrivono Federconsumatori Piacenza, Sunia e comitato soci Indacoo - è argomento grave, che ha messo in ginocchio migliaia di famiglie del piacentino e non solo. Questa implosione ha riguardato l'aspetto economico, come sappiamo bene, ma anche quello etico e morale. Famiglie distrutte, fiduciose fino all'ultimo nella cooperazione, nell'ideale, nella buona gestione e nel “sistema” cooperativo. E' crollato tutto, andati in fumo i risparmi e con loro la fiducia. Federconsumatori e Sunia stanno seguendo da anni i soci prestatori e gli assegnatari. A livello nazionale nel 2016 è stato organizzato un importante convegno al quale sono intervenuti parlamentari e rappresentanti nazionali della lega.

In quell'occasione, i delegati di tutti i comitati di coop coinvolte nazionali si sono riuniti a Reggio Emilia, a raccontare le loro storia. E' stata inoltre avanzata al Governo la proposta di Federconsumatori, per l'istituzione di un fondo come quello organizzato a tutela - e per risarcire - i risparmiatori delle quattro banche fallite. Oltre al fondo, è stata avanzata la richiesta di garanzie maggiori e trasparenza nel rapporto tra prestatore e cooperativa che, ad oggi, ha mostrato tutti i suoi limiti.

Un fondo che guardi al futuro ma che pensi anche al pregresso, a ciò che già è andato perso e che deve comunque essere tutelato e risarcito. E’ stato assunto l’impegno a riconvocare e mobilitare i comitati, così come votato all’unanimità nell’Assemblea pubblica, organizzata anche a Piacenza presso il Salone N. Mandela il 24 marzo da Federconsumatori, Sunia di Piacenza con il contributo significativo ed importante del “ Comitato difesa Soci Indacoo“ attivo da due anni.

 Oltre a quelli locali anche i comitati a livello nazionale saranno tutti mobilitati, chiederanno un confronto diretto ai vertici nazionali della Lega e ai capigruppo parlamentari. Per quanto riguarda la realtà piacentina la situazione di INDACOO, ad un anno dalla scadenza del Concordato Preventivo, è  densa di incertezze e preoccupazioni sia per i soci prestatori sia per quelli assegnatari in affitto permanente; è per questo che come Federconsumatori e Sunia di Piacenza, con il sostegno della Camera del Lavoro di Piacenza,  viene condivisa la richiesta d’istituzione di un fondo a tutela dei prestatori,che sarà supportata da iniziative pubbliche alle quali sono invitati a partecipare tutti i soci, i loro familiari, nonché di concerto con il Sindacato degli Edili gli stessi ex-lavoratori di Indacoo».

INIZIATIVE:

Giovedì    20 APRILE 2017, davanti lega coop (Bologna), PRESIDIO/MANIFESTAZIONE REGIONALE, ore 11.00;

Giovedì 4 MAGGIO 2017, davanti alla prefettura di Piacenza PRESIDIO/MANIFESTAZIONE PROVINCIALE dalle ore 17,30;

Giovedì 18 maggio 2017, davanti al Parlamento a Roma, PRESIDIO/MANIFESTAZIONE NAZIONALE, ore 11.00.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Dette iniziative sono inoltre finalizzate a fornire le migliori garanzie ai soci abitanti negli appartamenti a proprietà indivisa in affitto permanente, anche dopo la scadenza del Concordato Preventivo. Per definire, attraverso un Protocollo, una Intesa che riesca a soddisfare le legittime richieste dei soci prestatori e le suddette garanzie per quelli della proprietà indivisa verranno altresì attivati dei confronti istituzionali a livello territoriale, chiedendo al Comune di Piacenza di svolgere un ruolo di garante degli impegni che, eventualmente, venissero assunti tra le parti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Annega nel Po per salvare il suo cane finito in acqua

  • Identificato l'operaio ucciso dal crollo di un silos. Forse il cedimento di un sostegno la causa della tragedia

  • Crolla un silos, 50enne muore schiacciato

  • Altoè, 55enne muore alla guida dell'auto

  • Famiglia piacentina coinvolta in un incidente a Bolzano, grave un bambino

  • Caso Levante, spuntano nuovi indagati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento