rotate-mobile
L'omaggio

«Un grande piacentino che ha dedicato la vita alla promozione di un futuro migliore»

La cerimonia al PalabancaEventi per l’assegnazione alla Banca di Piacenza del "Men For Peace Award" di Franco Scepi in memoria del presidente Corrado Sforza Fogliani per iniziativa della Fondazione Gorbaciov

«Con coerenza e generosità ha dedicato ogni istante della sua vita nella costruzione di un futuro migliore per il territorio e la società a cui apparteneva». Così un passaggio della motivazione per l’assegnazione alla Banca di Piacenza, in memoria di Corrado Sforza Fogliani, della scultura "L’uomo della Pace" di Franco Scepi per iniziativa della Fondazione Gorbaciov. Motivazione (il testo integrale è pubblicato in calce all’articolo) letto dal vicepresidente dell’Associazione Mauro Palladini nel corso della cerimonia di consegna che si è tenuta al PalabancaEventi (Sala Panini) alla presenza della moglie del compianto presidente Maria Antonietta De Micheli.

Interventi di saluto sono stati portati dal vicedirettore generale della Banca Pietro Boselli (che dopo i ringraziamenti di rito ha ricordato come Fondazione Gorbaciov e Segretariato permanente dei Nobel per la Pace già lo scorso anno avessero donato alla Banca - sempre in omaggio a Sforza Fogliani - il quadro di Franco Scepi "Verdi è vivo", collocato nella Sala Verdi del già Palazzo Galli) e dall’assessore alla Cultura del Comune di Piacenza Christian Fiazza (che ha parlato di «premio doveroso e dovuto» per come Sforza Fogliani «ha sempre difeso con coraggio i valori della libertà»).

Il presidente della Gorbaciov Foundation Marzio Dallagiovanna ha quindi ricordato la nascita dell’Associazione, avvenuta nel 1998 per volontà di Michail Gorbaciov e che ora ha la sua attività più caratterizzante nel supportare l’organizzazione dei Summit mondiali dei premi Nobel per la Pace che riuniscono periodicamente i laureati e le organizzazioni Nobel per la Pace «al fine di elaborare progetti e soluzioni che indichino a capi di stato, politici e all’opinione pubblica internazionale nuove forme di convivenza tra i popoli basate sulla pace, sulla tolleranza e sul rispetto dei diritti della persona; e nel valutare, proporre e supportare le candidature meritevoli al Premio». Dallagiovanna ha spiegato come i primi Summit siano stati organizzati annualmente a Roma fino al 2006, poi la loro convocazione è stata demandata al Segretariato Mondiale dei Premi Nobel, trasferitosi a Piacenza nel 2017 (e di cui Marzio Dallagiovanna è vicepresidente). Summit si sono tenuti a Parigi, Berlino, Hiroshima, Chicago, Varsavia, Bogotà, Merida, Seul. Attualmente si sta valutando la possibilità di realizzare il prossimo a Doha, in Qatar. Il relatore ha anche ricordato che nel 2018 una delegazione di Primi Nobel ha conferito a Piacenza il titolo di "Città mondiale di costruzione di Pace". «Oggi in questa splendida cornice – ha affermato Dallagiovanna – celebriamo l’assegnazione del Men For Peace Award (attribuito in passato a personalità quali Rita Levi Montalcini e Carlo Rubbia) a un grande piacentino, un caro amico che è sempre stato vicino alla Fondazione Gorbaciov e al Segretariato, di cui è stato componente in qualità di advisor».

Franco Scepi ha raccontato la genesi dell’opera, risalente a un colloquio avuto con l’allora arcivescovo di Cracovia Karol Wojtyla. L’immagine raffigura un volto androgino, chiuso nel muro delle intolleranze politiche e religiose, dalla cui sommità una colomba trascina via falce e martello, simboli del comunismo che in seguito vennero tolti. Prima di essere plasmato e divenire monumento, l’immagine fu adottata da Franco Scepi per realizzare il manifesto del film "L’uomo di marmo" del regista polacco Andrzej Wajda (amico di Wojtyla). «Il valore dell’opera – ha sottolineato Scepi – non è solo artistico ma investe la sfera sociale e politica e rappresenta il senso della libertà».

Prima della lettura della motivazione, molto apprezzato l’intermezzo musicale del trio d’archi messo a disposizione da Rinascimusica. Monica Bertuzzi (violino), Beatrice Aramu (viola) e Vieri Giovenzana (contrabbasso) hanno proposto danze rinascimentali, l’Inverno di Vivaldi, e colonne sonore di Ennio Morricone e Nino Rota.

Una commossa professoressa De Micheli ha preso infine la parola mandando un «grazie Corrado» al marito, in segno di gratitudine per quanto di buono ha fatto durante la sua intensa vita.

La scultura verrà collocata nel Salone operativo della sede centrale della Banca, in via Mazzini.

La motivazione dell’assegnazione del premio

«La scultura dell’artista piacentino Franco Scepi, che viene oggi assegnata come riconoscimento d’onore in memoria dell’avvocato Corrado Sforza Fogliani, è un’opera ormai simbolo universale del valore della pace. Il suo valore evocativo delle tragedie della storia, che hanno attraversato il secolo scorso e che ritornano amaramente a funestare l’umanità già provata dalla terribile piaga della pandemia, si coglie nello sguardo muto e dolente del soggetto raffigurato. In occasione di una recente mostra al museo Magi 900’ di Pieve di Cento, un noto critico d’arte ha acutamente accostato l’opera di Scepi alla Guernica di Picasso, essendo ispirato l’Uomo della Pace, segno indelebile come quello di Picasso, allo stesso dispotico desiderio di pace nella libertà.

Per volontà dell’artista, la Fondazione Gorbaciov ha voluto dedicare l’opera al compianto presidente Corrado Sforza Fogliani, uomo dal raffinato ingegno, insigne avvocato e giurista, banchiere lungimirante, profondo esperto d’arte e cultore di tradizioni storiche civili. Con coerenza e generosità ha dedicato ogni istante della sua vita nella costruzione di un futuro migliore per il territorio e la società a cui apparteneva. Liberale di profonda e coerente convinzione, ha sempre difeso il valore della persona e l’autonomia di pensiero come fondamenta stesse della nostra civiltà, ponendosi spesso come voce coraggiosa e dissonante che trascendeva i luoghi comuni, non desiderava compiacere alcuno, ma voleva essere fedele ai principi in cui credeva e soprattutto a quelli della democrazia e della pace. Ha inteso la Banca di Piacenza non come una istituzione soltanto finalizzata alla raccolta del risparmio e all’erogazione del credito - attività, peraltro, fonte di sviluppo e ricchezza per gli imprenditori e i risparmiatori della nostra terra - ma principalmente come una potente risorsa per la promozione della vita culturale della provincia, consapevole che una comunità trova nella conoscenza e nella consapevolezza delle proprie radici, lo strumento per la crescita e lo sviluppo anche economico. Con il suo impegno Piacenza è stata collocata e mantenuta in un ambito culturale spesso di dimensioni nazionali e internazionali. La dedica apposta sulla targa del riconoscimento "Instancabile difensore della libertà e della giustizia come garanzia di un futuro di pace per tutti" intende rappresentare il nostro sentimento di commosso rimpianto e di riconoscenza verso Corrado Sforza Fogliani».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Un grande piacentino che ha dedicato la vita alla promozione di un futuro migliore»

IlPiacenza è in caricamento