menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La platea degli studenti

La platea degli studenti

Una lezione sui salumi piacentini Dop ai futuri chef professionisti di Alma

Nell’aula magna della prestigiosa scuola internazionale di cucina italiana una nuova lezione dedicata alle eccellenze alimentari della salumeria piacentina

Di recente ad Alma, il più autorevole centro di formazione della cucina italiana a livello internazionale al palazzo ducale di Colorno, ha visto salire nuovamente in cattedra le tre Dop piacentine che si sono raccontate    agli studenti del corso superiore di “Cucina 50”, e che aspirano a diventare chef e professionisti esperti della ristorazione. Una nuova lezione tutta dedicata a coppa piacentina Dop, pancetta piacentina Dop e salame piacentino Dop, che si inserisce tra le attività formative previste dal progetto europeo “Europe, open air taste museum”, promosso dal Consorzio di Tutela Salumi Dop Piacentini e cofinanziato dall’Unione Europea. 

Il progetto prevede una serie di incontri rivolti agli studenti della rinomata scuola, tutti dedicati a far scoprire l’antica tradizione di questi prodotti di qualità certificata, che si legano ad un territorio unico, quello piacentino, dalle caratteristiche peculiari, in grado di regalare produzioni tutelate nel panorama europeo e internazionale.  

Luca Govoni, docente di storia dell’alimentazione di Alma, ha introdotto l’attività formativa lasciando poi la parola al docente del Consorzio di Tutela Salumi DOP Piacentini Daniele De Leo, agronomo specializzato nella divulgazione e animazione degli alimenti e dei prodotti tutelati, che ha saputo abilmente coinvolgere la platea di ottanta studenti, facendoli sentire parte del patrimonio culinario del nostro Paese. 

Partendo dalla storia dei salumi piacentini Dop, per poi entrare nel vivo di queste produzioni tutelate, che seguono precisi e rigidi disciplinari di produzione, le tre Dop piacentine sono state oggetto di un’attenta degustazione, predisposta da Lorella Ferrari, responsabile della segreteria del consorzio, per trasmettere in maniera diretta agli studenti le caratteristiche organolettiche che le rendono uniche nel panorama della salumeria italiana. 
L’esperienza formativa si è svolta nel pieno rispetto delle disposizioni sulla sicurezza legate all’emergenza sanitaria in corso, consentendo agli studenti di partecipare ad un momento importante di educazione al gusto e alla consapevolezza dei valori che si legano alle produzioni tutelate. Una giornata intensa, quindi, e ricca di spunti fondamentali per la valorizzazione dei prodotti della salumeria piacentina a marchio Dop, nell’ambito delle produzioni italiane. Particolarmente soddisfatto il direttore generale di Alma, il piacentino Andrea Sinigalia, dell’intensa collaborazione che da tempo si sta realizzando con il Consorzio di Tutela Salumi DOP Piacentini che vedrà, nel corso del 2021, altri importanti momenti di valorizzazione delle tre Dop piacentine.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Il giardino di via Negri è un ritrovo di spacciatori»

Attualità

Usb: «Non saremo con i Si Cobas davanti alla Cgil»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento