Università Cattolica, con il Career Day uno sguardo sul futuro del lavoro

Complessivamente vi hanno preso parte centoventi realtà economiche territoriali tra cui ottantatré aziende, quattro ordini professionali, dodici associazioni di categoria, sei start up, undici cooperative sociali e sei stand di servizi della Cattolica

Un momento del Cereer Day

Stand affollatissimi di studenti, laureandi e laureati per il Career Day, l’evento organizzato dal servizio Stage&Placement dell’Università Cattolica che si è svolto anche quest’anno all'ateneo piacentino. Complessivamente vi hanno preso parte centoventi realtà economiche territoriali tra cui ottantatré aziende, quattro ordini professionali, dodici associazioni di categoria, sei start up, undici cooperative sociali e sei stand di servizi della Cattolica. Un appuntamento per gli studenti e i laureandi direttamente con il mondo del lavoro, con offerte di stage in diversi settori, tra cui marketing e commerciale, e-commerce, grande distribuzione organizzata e retail, largo consumo, food&beverage, legale-tributario, consulenza del lavoro, risorse umane, banche e istituti finanziari, assicurazioni, consulenza fiscale, no profit, logistica. Spazio anche alle possibilità di carriera internazionale e sull’allenamento delle soft skills e sull’intelligenza emotiva.

La ricca giornata di iniziative del Career Day Cattolica è iniziata con un fitto programma di seminari dedicati a temi cardine del mercato del lavoro, tra i quali quello di Giancarlo Orsini, Training&Learning Manager di Banca Mediolanum e all’Auditorium G.C. Mazzocchi "Allenarsi per il futuro" di Randstad, che vedrà come protagonista la sportiva e coach Ivana Di Martino. Per gli interessati ad un futuro professionale nel mondo dell'agroalimentare, anche quest’anno sarà attivo lo spazio AgriCulture. La parte di Training Point si è poi rinnovata con l’English Corner una sezione tutta erogata in lingua inglese che, oltre alla parte tecnica, si arricchisce di contenuti sempre più trasversali. Le consulenze di orientamento professionali si sono inoltre focalizzate sull’orientamento alla carriera internazionale, sull’allenamento delle soft skills, sull’Intelligenza Emotiva.

Numerosi i seminari programmati tra cui quelli di carattere economico con Banca Mediolanum, Arval, Randstand, Ikea, Ldl Italia ed ancora, tanto per citarne alcuni, con rappresentanti di Unilever, Banca Carige e Barilla, mentre per scienze agrarie, alimentari e ambientali il Preside Trevisan ha proposto agli studenti esperienze di lavoro interne all’università, compresi gli Spin off, come quelli relativi alla libera professione a sottolineare le diversificate possibilità che queste tipologie di laurea possono offrire. Il direttore di sede Mauro Balordi si è detto molto contento per questa massiccia partecipazione di aziende ed ordini intervenuti. Nel pomeriggio presso la Sala Piana, cerimonia di consegna della borsa di studio istituita per onorare la memoria di Emanuele Patti al vincitore Federico Regonati. La borsa di studio è riservata a studenti meritevoli iscritti per l’anno accademico 2017/18 al primo anno del corso di Laurea magistrale in Scienze e tecnologie agrarie della Facoltà di Scienze agrarie, alimentari e ambientali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento