Economia

Valore aggiunto: nel Piacentino 28mila euro per abitante, 3mila in più rispetto alla media nazionale

L’Istat ha diffuso i dati sui conti economici territoriali e sul valore aggiunto delle province italiane nel 2016: Piacenza è al 24esimo posto in Italia. L'analisi di "Piacenza Economia"

Un'industria di pomodori del Piacentino

L’Istat ha diffuso il 13 dicembre scorso i dati sui conti economici territoriali e sul valore aggiunto delle province italiane nel 2016, anno più recente disponibile. L’analisi - effettuata dalla rivista economica "Piacenza Economia" (a cui collaborano Provincia di Piacenza, Università Cattolica e Camera di Commercio) - soprattutto del valore aggiunto è particolarmente interessante perché consente di misurare quanto prodotto effettivamente dalle imprese del sistema produttivo locale, a differenza ad esempio del reddito disponibile che, essendo riferito ai residenti, può essere realizzato anche al di fuori dei confini provinciali. La provincia di Piacenza, con i suoi 28.100 euro procapite, 3.100 in più rispetto ai 25.000 della media italiana, si colloca al 24° posto della graduatoria nazionale, risultando di fatto inserita nel contesto territoriale del nostro paese (quello settentrionale e del Nord-Est in particolare – come ben evidenzia la mappa qui sotto) dove si osservano i maggiori livelli di valore aggiunto per abitante derivante dalla produzione di beni e servizi.  

Cattura-7-62-4-3

 
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valore aggiunto: nel Piacentino 28mila euro per abitante, 3mila in più rispetto alla media nazionale

IlPiacenza è in caricamento