rotate-mobile
Mercoledì, 6 Luglio 2022
Economia

Valore aggiunto: nel Piacentino 28mila euro per abitante, 3mila in più rispetto alla media nazionale

L’Istat ha diffuso i dati sui conti economici territoriali e sul valore aggiunto delle province italiane nel 2016: Piacenza è al 24esimo posto in Italia. L'analisi di "Piacenza Economia"

Il posizionamento piacentino - è l'analisi di Piacenza Economia affidata ad Antonio Colnaghi della Provincia di Piacenza - è migliore di quello delle province lombarde confinanti di Cremona (32^), Lodi (51^) e Pavia (65^), ma è peggiore rispetto a quello delle province emiliane di Bologna, Modena, Parma e Reggio Emilia, che risultano ai vertici (tra le prime dieci) della graduatoria nazionale, e che ottengono questo risultato in virtù anche del dato sul valore aggiunto manifatturiero. Mentre a Piacenza infatti il valore aggiunto per abitante dell’industria è di circa 7mila euro, questo arriva a 10mila a Parma e a Reggio Emilia, e a 12mila a Modena. Così se da noi - sempre rispetto ai valori procapite – l’incidenza del settore industriale è attorno al 25% sul totale, tra i cugini emiliani la quota sale e risulta compresa tra il 30 e il 35 percento circa.  

3-3-10

Il valore aggiunto totale a prezzi correnti prodotto dagli attori economici della provincia di Piacenza è stato invece nel 2016 pari a 8.066,8 milioni di euro, realizzato per il 69% dal comparto dei servizi. Rispetto al 2013 è aumentato del 3,8%, ma contro il +6,7% dell’Emilia-Romagna, ed il +5,1% a livello nazionale. 4-24

Il comparto che è cresciuto di più in questo periodo nella nostra provincia è stato quello dei servizi, con un incremento del valore aggiunto del 4,7%, in linea con le dinamiche regionali (+5,4%) e nazionali (+5%). Anche il settore manifatturiero è risultato in espansione (+3,4%), tuttavia ad un ritmo molto meno elevato rispetto a quello conosciuto dal comparto in Emilia-Romagna (+15,3%) e in Italia (+12,3%). Bene anche il valore aggiunto dell’agricoltura, dove l’evoluzione positiva a livello locale (+3,3%) è risultata in controtendenza a confronto con quella negativa registrata a livello regionale (-4,3%) e nazionale (-5,4%). Congruente con l’andamento negativo osservato in Emilia-Romagna (-4,4%) e in Italia (-3,1%), è infine la dinamica del valore aggiunto prodotto dal settore edile a Piacenza (-3,8%). In conclusione risulta evidente come la dinamica non particolarmente brillante del valore aggiunto provinciale nel periodo considerato sia stata influenzata dal dato del manifatturiero, che è peraltro in contrazione tra il 2015 e il 2016, a differenza degli altri contesti.

5-17

Rimane invece il dubbio di sapere se, come molto probabilmente è accaduto, Piacenza sia riuscita a far meglio della media regionale (+7,1%) e della media nazionale (+5,9%) relativamente all’evoluzione 2013- 2016 del valore aggiunto della logistica e dei trasporti, non essendo stato possibile separare il comparto da quelli del commercio e della ristorazione (Istat per il livello provinciale non fornisce il dato disaggregato). Riteniamo si possa comunque imputare il buon risultato (+10,1%) del settore “commercio all’ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli e motocicli, trasporto e magazzinaggio, servizi di alloggio e di ristorazione” in gran parte al settore logistico piacentino, visti anche i riscontri e gli sviluppi a livello imprenditoriale degli ultimi anni.  

6-4-3

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valore aggiunto: nel Piacentino 28mila euro per abitante, 3mila in più rispetto alla media nazionale

IlPiacenza è in caricamento