menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un'immagine della conferenza stampa

Un'immagine della conferenza stampa

Amnesty Piacenza festeggia il 50esimo anniversario, festa in piazzetta Mercanti

Grande festa in piazzetta Mercanti per il compimento dei 50 anni di attività del gruppo piacentino di Amnesty. In programma a partire dalle 20.30 performances artistiche e letture a tema

Il gruppo piacentino di Amnesty International, fondato nel 1963, festeggia il compimento di 50 anni di attività, e per l'occasione propone ai piacentini una grande festa nel cuore della città, con la partecipazione di tanti artisti che si esibiranno in performances a tema.

Questa mattina, giovedì 30 maggio, la presentazione dell'iniziativa durante una conferenza stampa, con la partecipazione dell'assessore Giovanna Palladini, che ha espresso tutta la soddisfazione dell'amministrazione comunale e ha ribadito l'assoluta indipendenza politica di Amnesty, che lotta non solo per i diritti civili, ma anche per quelli economici e sociali.

"Non è soltanto la nostra festa, ma quella di tutta la città - ha dichiarato il responsabile della sezione piacentina di Amnesty, Luigi Ferrari - perchè tutte le lotte portate avanti in questi 50 anni sono state supportate dalle varie amministrazioni cittadine e dai piacentini stessi, che hanno sempre appoggiato con entusiasmo le iniziative di Amnesty. Proprio per questo ci siamo avvalsi di artisti piacentini, le cui esibizioni saranno inframmezzate da interviste e letture per raccontare la storia di Amnesty in questo mezzo secolo di vita".

L'appuntamento è sabato 1 giugno in Piazza Cavalli alle ore 20.30, in Piazzetta Mercanti o, in caso di pioggia, sotto i portici di palazzo Gotico, per un'intera serata dedicata al tema dei diritti umani, attraverso racconti, letture ed esibizioni artistiche.

Si esibiranno:

-L'Orchestra della Scuola Italo Calvino con un repertorio verdiano
- la corale "Schola Cantorum" con brani del sud del mondo
- il gruppo teatrale "Le Stagnotte" con lo spettacolo "Ballata della cella numero #3", che racconta le vicende di alcune donne in un carcere negli anni 50
- Il gruppo "Danzinfesta" con lo spettacolo "Linea di Confine", balli di popoli perseguitati (Rom, Armeni, ebrei, arabi, ecc.)

Verrà esposta inoltre una mostra sul tema dei diritti umani, a cura di diversi fotografi piacentini.

Per maggiori informazioni, rivolgersi al sito https://www.amnestypiacenza.org/

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Nuovo Decreto, oggi verrà definito il colore dell'Emilia-Romagna

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    Covid-19: nel Piacentino 77 nuovi casi e sette decessi

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento