menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A cena con la scienza: prende il via la settima edizione

Anche quest’anno si terrà il ciclo di incontri "A cena con la scienza", organizzato da Confagricoltura ed Agriturist, giunto ormai alla settima edizione. Il tema “guida” questa volta sarà: “il futuro non è più quello di una volta...”

Fino a qualche decennio fa- sottolinea l’organizzatore Michele Lodigiani nominato recentemente membro dell’Accademia dei Georgofili-  abbiamo guardato al nostro futuro immaginandolo lineare e progressivo. La caduta delle ideologie, la crescita demografica, gli imponenti flussi migratori e, da ultima, la crisi economica e finanziaria, hanno frantumato ogni illusione e trasformato la nostra visione del futuro in un caleidoscopio difficile da decifrare. Lo smarrimento dei cosiddetti “Millenials”, i ragazzi nati fra gli anni ottanta e la prima decade del nuovo secolo, è comprensibile: essi, tuttavia, non ereditano soltanto problemi irrisolti dalla generazione che li ha preceduti, ma anche nuove e straordinarie sfide e opportunità.

Si partirà venerdì 29 aprile, presso l’agriturismo “Boschi Celati” A Fosssadello di Caorso (tutti gli incontri sono previsti alle 19), con Giorgio Metta, il “papà” del robot umanoide iCub dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova (un punto di riferimento mondiale sulla robotica), che tratterà delle grandi complessità (scientifiche, tecnologiche, sociali e filosofiche) connesse all’introduzione di macchine dotate di intelligenza artificiale nel nostro quotidiano.

Seguirà venerdì 23 maggio, presso l’agriturismo “La Tosa” di Vigolzone, un incontro sulla storia dell’agricoltura. Si può dire che essa abbia coinciso per molti secoli con la Storia in senso lato (e non c’è dubbio che condizioni fortemente quella contemporanea), senza tuttavia trovare nei libri di testo adeguata considerazione. Luigi Mariani, docente della materia all’Università di Milano e climatologo, cercherà (con argomenti che a molti risulteranno spiazzanti) di prefigurare ciò che ci aspetta alla luce del passato e del presente.

Quest’anno, il prossimo 26 aprile, cadrà il 30° anniversario del disastro nucleare di Chernobyl. Giorgio Trenta, Presidente dell’Associazione Italiana di Radioprotezione Medica, medico e fisico di grandissima competenza ed esperienza, è la persona più adatta per fare un bilancio attendibile e non emotivo sulle reali conseguenze sanitarie del disastro, con qualche riferimento anche a quelle ambientali. Se ne tratterà venerdì 27 maggio presso l’agriturismo “la finestra sul Po” a San Nazzaro.

Infine Renato Bruni, docente di Botanica e Biologia farmaceutica all’Università di Parma, venerdì 17 giugno, presso l’agriturismo “Battibue” a Fiorenzuola d’Arda, ci parlerà di “biomimetica”, quella branca della ricerca che studia i processi biologici e biomeccanici della natura, in specifico delle piante, traendone ispirazione per applicazioni tecnologiche innovative.

E’ necessario prenotarsi contattando direttamente l’agriturismo coinvolto nella serata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento