Alessandro Borghi al Bobbio Film Festival: «Il primo re, un grande film tra rivisitazione e mito»

La pellicola di Matteo Rovere con protagonista Alessandro Borghi, film della serata di ieri del Bobbio Film Festival

I protagonisti della serata

«Una ri-creazione verista, tattile, violenta di un’epoca storica che nel passato, magari di qualche peplum d’annata, si era contraddistinta giusto per sandalini comodi e pugnali di plastica con la partecipazione naif delle star di Hollywood». Le parole di Davide Turrini (Il Fatto Quotidiano) restituiscono il cuore e il volto innovativo de “Il primo re”, pellicola di Matteo Rovere con protagonista Alessandro Borghi, film della serata di ieri del Bobbio Film Festival.
Ospite l'attore romano, che con Enrico Magrelli ha affrontato un ricco dibattito successivo alla proiezione del film, rispondendo alle domande del pubblico che ha affollato il Chiostro di San Colombano.
I fratelli Romolo e Remo, soli e in grado di contare l’uno nella forza dell'altro, si muovono in un mondo remoto e ostile sfidando il volere irriducibile degli Dei. Dal sangue versato nascerà una città, Roma, all’origine del più grande impero della Storia. Il loro è un legame saldo, intrepido, destinato ad alimentare la leggenda.
«E' un grande film, questo, tra rivisitazione e mito. Quando Matteo Rovere me l'ha proposto, ho accettato senza riserve, ne ho intravisto tutte le potenzialità» ha raccontato Borghi. «Il risultato è una pellicola che non ha nulla da invidiare alle produzioni straniere, anzi ha qualcosa in più. Certamente questa è stata una sfida, ma credo il risultato sia eccellente. Le scelte vincenti? Abbandonare l'aria patinata dei kolossal hollywoodiani: noi attori eravamo sporchi, coperti di fango, nulla a che vedere con l'immagine pulita, da copertina, degli interpreti in tante produzioni americane. La scelta di utilizzare il proto-latino, poi, ha dato un'ulteriore cifra verosimile che un film recitato in inglese o in lingua corrente non avrebbe dato. Ne è uscita una pellicola totalizzante, innovativa nel panorama cinematografico italiano».
Alessandro Borghi sarà ospite anche stasera al Bobbio Film Festival assieme al regista Alessio Cremonini con il film “Sulla mia pelle”: Stefano Cucchi ha appena trentun anni quando muore all'ospedale Sandro Pertini di Roma, mentre è in stato di detenzione. Dopo l’arresto, trascorre la sua ultima settimana di vita tra procedure incomprensibili, violenze e abusi. Una settimana che cambia anche la vita della sua famiglia che non riesce a vederlo, se non da morto, e che cerca invano di capire.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento