Galleria Alberoni, apertura serale straordinaria della mostra Dis-chiusure

Mercoledì 8 maggio 2019 dalle 20 alle 23 apertura straordinaria serale della mostra Dis-chiusure al Collegio Alberoni. Ingresso gratuito

Si tratta dell'ultima occasione per vedere il Violino con il filo spinato di Jannis Kounellis e la mostra Dis-chiusure, dato che giovedì 9 maggio Il violino di Jannis Kounellis entrerà nella Casa Circondariale di Piacenza per incontrare i detenuti

La Galleria Alberoni, nell’ultimo giorno di permanenza del capolavoro realizzato dal padre della corrente artistica dell’Arte povera, effettua infatti un’apertura straordinaria serale e gratuita della mostra Dis-chiusure.

Tutti coloro che non hanno ancora potuto vedere l’ultima opera realizzata da Jannis Kounellis, che così grande interesse ha suscitato nei visitatori, hanno pertanto un’ultima possibilità.

Dalle ore 20 alle ore 23 la Galleria Alberoni sarà aperta gratuitamente e la mostra Dis-chiusure sarà visitabile liberamente.

Come da programma, e come annunciato all’inizio della mostra evento Dis-chiusure, giovedì 9 maggio il violino con il filo spinato di Jannis Kounellis entrerà nel carcere di Piacenza per incontrare i detenuti.

Si tratta dell’ultimo dei numerosi appuntamenti che hanno animato la mostra evento, un’occasione davvero importante per collegare la città di Piacenza e il carcere.

Il violino di Kounellis, che abbina il filo spinato a uno strumento musicale, rappresentando la condizione della persona detenuta e, “con assoluta semplicità, tutta la possibilità e l’impossibilità dell’uomo” è stato realizzato nel 2016 dal grande artista di origine greca e dedicato alle persone detenute affinchè sia rispettato il loro diritto al reinserimento educativo e sociale.

La nascita del violino di Kounellis e la sua vocazione

Quel 3 agosto 2016 Jannis Kounellis non era entrato da solo nel carcere di Opera, su invito del direttore della Casa circondariale, ma accompagnato dal poeta e scrittore Arnoldo Mosca Mondadori, dal gallerista Mario Pieroni e dal compositore Carlo Crivelli.

Aveva così potuto conoscere i due detenuti liutai Erjugen e Nicola. Quella visita lo lasciò molto scosso. Jannis Kounellis lavorò molto su uno dei due violini che aveva ricevuto in dono da Erjugen e Nicola. Alla fine trasfigurò il violino togliendo le quattro corde e sostituendole con altrettante di filo spinato. Poi chiuse il violino in un cassa di metallo, perché si potesse sentire la chiusura, la ristrettezza della cella. Kounellis affidò il violino ad Arnoldo Mosca Mondadori con una missione: portare l’opera in giro per le carceri del mondo.

Il violino di Kounellis nel carcere di Piacenza

Giovedì 9 maggio il violino con il filo spinato di Jannis Kounellis entrerà nel carcere di Piacenza per incontrare i detenuti.

Sarà accompagnato dalla direttrice della Casa Circondariale di Piacenza Maria Gabriella Lusi, che ha reso possibile e organizzato l’evento, da Padre Erminio Antonello, Superiore del Collegio Alberoni, Don Ezio Molinari, parroco e sacerdote diocesano, Don Adamo Afri, cappellano della Casa Circondariale, Matteo Corradini, scrittore ed ebraista che ha concesso in prestito alla mostra Dis-chiusure gli strumenti musicali a corda costruiti nel ghetto di Terezìn facenti parte della sua collezione, Gian Andrea Guerra, violinista, che suonerà all’interno del carcere uno dei violini della collezione di Matteo Corradini, Maurizio Piantelli, musicista, che suonerà all’interno del carcere la tiorba, strumento musicale a corde pizzicate, introdotto nel XVI secolo.

Con loro Giorgio Braghieri, Presidente dell’Opera Pia Alberoni e i rappresentanti di Svep e Associazione La Ricerca tra i promotori della mostra Dis-chiusure che porta ora l’opera principale al cospetto dei detenuti per i quali è stata concepita e realizzata.

L’ultimo e straordinariamente significativo appuntamento di una mostra che ha saputo aiutare la riflessione dei visitatori e del numeroso pubblico.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Paladino a Piacenza, la nuova installazione

    • Gratis
    • dal 10 ottobre al 28 dicembre 2020
    • Piazza Cavalli
  • Galleria Biffi Arte, "Il nudo è morto. L'abito è il monaco" di Afran

    • Gratis
    • dal 5 settembre al 7 novembre 2020
    • Galleria Biffi Arte
  • XNL Piacenza Contemporanea, "La Rivoluzione siamo noi"

    • dal 26 settembre 2020 al 10 gennaio 2021
    • XNL Piacenza Contemporanea

I più visti

  • Paladino a Piacenza, la nuova installazione

    • Gratis
    • dal 10 ottobre al 28 dicembre 2020
    • Piazza Cavalli
  • Travo, Parco archelogico "Villaggio neolitico"

    • dal 15 agosto al 31 dicembre 2020
    • Parco Archeologico "Villaggio Neolitico"
  • Settimana Organistica Internazionale, ultimi due concerti solo in streaming

    • Gratis
    • dal 31 ottobre al 8 novembre 2020
    • on line
  • Galleria Biffi Arte, "Il nudo è morto. L'abito è il monaco" di Afran

    • Gratis
    • dal 5 settembre al 7 novembre 2020
    • Galleria Biffi Arte
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    IlPiacenza è in caricamento