Al via l'Appennino Festival con oltre venti date da luglio a dicembre

Fra gli ospiti di Appennino Festival Ambrogio Sparagna, La Rossignol, Christoph Hartmann e Massimo Lonardi. La direttrice artistica Scagnelli: “Festival legato al tema del pellegrinaggio e del cammino”

Prende il via con uno dei gruppi più prolifici nell’ambito della musica antica e rinascimentale come sono La Rossignol e si chiude con un concerto natalizio con i Vox Silvae. L’Appennino Festival 2019 compie diciotto anni e presenta le sue meraviglie: sparse su ventuno date da luglio a dicembre, ricche di ospiti prestigiosi come l’etnomusicologo Ambrogio Sparagna, l’oboista dei Berliner Philarmoniker Christoph Hartmann, il ghirondista Paolo Simonazzi, il pifferaio sperimentatore Paolo Domenichetti.

Il programma è stato presentato nella sede della Fondazione di Piacenza e Vigevano dalla direttrice artistica Maddalena Scagnelli: “Tramandare vuol dire conservare – spiega – questo festival, che giunge alla diciottesima edizione, è legato al paesaggio sonoro dell’Appennino che viene percorso attraverso una ripresa e una valorizzazione del patrimonio del passato. Per questo la nuova edizione del Festival è legata al tema del cammino e del pellegrinaggio: ci saranno le tappe del progetto “Per Viam” che ci permetterà di percorrere tutta la Via degli abati e i concerti e le conferenze organizzati a Cortebrugnatella per scoprire la via d’acqua o a Piacenza per seguire le orme della Francigena. Fra i tanti ospiti attesi, segnalo in particolare La Rossignol, che proprio di recente ha portato in Svezia e in Brasile il repertorio della tradizione rinascimentale, Christoph Hartmann che è amico del festival, i tre giovani cornisti piacentini Giorgio Strinati, Emanuele Crepet e Davide Navatta, Ambrogio Sparagna che è grande musicista e studioso e infine Massimo Lonardi, straordinario suonatore di liuto”.

Insieme alla Scagnelli presenti anche Alberto Dosi della Fondazione di Piacenza e Vigevano, Valentina Rimondi di Cooltour, Tiziano Fermi di Domus Justinae, Valter Castignoli del centro di lettura di Rivergaro, Giuseppe Bianchi dell’associazione One e l’assessore del comune di Travo Roberta Valla.

GLI APPUNTAMENTI

14 luglio ore 18.45 alla Pieve romanica di Castelletto di Vernasca: concerto al tramonto “Ardente sole. La danza in Italia nel Rinascimento” col Gruppo di musica antica “La Rossignol” e la partecipazione di Carolina Migli (voce recitante).

21 luglio ore 21.15 a Caminata: “Per Viam: viaggio musicale lungo la Via degli Abati” prima tappa

Dagli Antifonari medievali alle tradizioni popolari irlandesi e appenniniche per celebrare la figura di San Colombano con la Schola Sancti Columbani e Andrea Groppi (voce recitante).

26 luglio ore 17 a Selva di Groppallo: Festa alla Torre di Sant'Antonino “Per Viam” seconda tappa con Carlo Gandolfi (surdulina, small pipe e musa) e Nicola Rulli (mandola irlandese).

30 luglio ore 21.15 a Rivergaro, sagrato della Chiesa di Sant'Agata: “Chiara Stella” con Ambrogio Sparagna and friends. Tra i massimi esponenti della ricerca sulle tradizioni italiane, Ambrogio Sparagna farà rivivere le atmosfere delle feste popolari del Sud italiano.

2 agosto ore 18.30 a Pradello di  Bettola nella Chiesa dei Santi Cosma e Damiano: concerto dell'oboista dei Berliner Philharmoniker Christoph Hartmann.

3 agosto ore 21.15 a Pradovera: Ballo all’aperto nello scenario naturalistico della panoramica Pradovera-Coli in località Acqua Nera con le danze tradizionali europee e delle Quattro Province  con Banda Brisca, Funambol e Pizzica Ensemble.

4 agosto ore 18 al Passo Sella dei Generali sulla strada panoramica Pradovera-Mareto-Coli: “Per Viam” terza tappa con il concerto e reading al tramonto sul pascolo lungo la Via degli Abati con Giorgio Strinati, Emanuele Crepet e Davide Navatta (corni). Alle 21 all’Albergo dei Cacciatori di Mareto cena del Pellegrino.

10 agosto ore 21.30 a Pigazzano  di Travo: “Sempre caro mi fu quest'ermo colle. Poesia e musica nella notte di San Lorenzo” con le letture poetiche a cura di Gabriele Dadati, Giovanni Zilioli,  Edoardo Callegari, gli intermezzi musicali di Gianmaria Lodigiani, Samuel Bateson e Vincenzo Torricella.

12 agosto ore 9 ore 18 a Marsaglia (Corte Brugnatella): discesa in canoa in collaborazione con l’associazione One. Alle 18 nella chiesa di Brugnello conferenza di Tiziano Fermi con internezzi musicali di Priscilla Panzeri. Alle ore 21.30 a Bobbio nel chiostro di San Colombano: “Per Viam” quarta tappa con il cantastorie Bernardo Beisso sul tema “Partirò farò partenza: dalle valli Appenniniche a Genova sulle Vie del Sale” con la partecipazione del gruppo Enerbia.

13 agosto ore 15 a Cerignale: “Festa delle aie” con Ettore Losini (piffero) e Davide Balletti (fisarmonica).

16 agosto ore 21 a Cerreto di Zerba: concerto di Gabriele Dametti (piffero) e Fabio Paveto (fisarmonica).

18 agosto ore 21.15 a Borgotaro (Parma): “Per Viam” quarta tappa con Marco Domenichetti (Barcellona – Spagna) ai flauti dritti, piffero e percussioni sul tema “Dal Cammino di Santiago alla Via degli Abati” con la partecipazione della Schola Sancti Columbani.

21 agosto ore 18.30 nella chiesa di San Bartolomeo di Ottone: concerto con Federico Perotti (spinetta), Agostino Subacchi (basso) e Chiara Pavesi (violoncello).

8 settembre ore 15 a Ozzano Taro (Parma): Festa al Museo Guatelli con visita guidata alla corte rurale, alle collezioni e agli strumenti musicali.

21 settembre ore 21 a Bardi: “Per Viam” quinta tappa con il convegno di studi su “Le presenze longobarde nelle regioni italiane: il quotidiano nelle fonti e nei dati materiali” in collaborazione con le Associazioni “Il Cammino della Val Ceno” e “La Via degli Abati”.

22 settembre ore 20 a Caratta di Gossolengo nell’azienda Lungacque - I  Melograni: esibizione del quintetto di fiati Parma Brass Ensemble e del Gruppo tradizionale sardo “Juntos” (launeddas e tumbarinu) con la cena a cura dei Contadini Resistenti in collaborazione con il Gremio Sardo di Piacenza.

29 settembre ore 15 a Piozzano: Festa del miele e dei prodotti tipici della Val Luretta con le danze popolari dei Lu Trainana (musica tradizionale delle Marche).

6 ottobre ore 17 all’Azienda Vitivinicola Uccellaia di Vigolzone: “Cornamuse e zampogne d’Europa” con Fabio Rinaudo dei Birkin Tree e l’aperitivo con i vini dell'Azienda.

11 ottobre ore 21 a Piacenza nella Sala delle colonne e giardini della Cattedrale di Piacenza: “La musica strumentale ai tempi di Leonardo” con Massimo Lonardi (liuto) e Giuliano Lucini (tiorba) in collaborazione con l'Associazione  Domus Justinae.

13 ottobre ore 15 a Pecorara: Festa del tartufo e dei prodotti della montagna con le danze tradizionali italiane ed europee con Paolo Simonazzi (ghironda) ed Emanuele Reverberi (violino).

8 dicembre ore 11 a Ferriere nella Chiesa di San Giovanni Battista: concerto del Coro Vox Silvae.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scandalo Levante, indagato il colonnello dell'Arma Corrado Scattaretico

  • Rissa al Tuxedo, parla il gruppo dei campani: «Noi offesi, minacciati e insultati»

  • Calvino e Don Minzoni: due fratelli positivi al Coronavirus, isolate 54 persone

  • San Polo, camion di pomodori si ribalta e perde tutto il carico

  • Muore schiacciato sotto un trattore a Ferriere

  • «Ritrovo di pregiudicati», il questore chiude il bar Baraonda: «Pericolosità sociale»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento