Appennino Festival, concerto a Ottone e visite al Museo Diocesano

Mercoledì 22 agosto alle 18.30 appuntamento a Ottone con Appennino Festival, per il concerto dell’arpista Sara Pavesi e del basso Agostino Subacchi nella chiesa di San Bartolomeo

È nell’antica chiesa di San Bartolomeo, nel comune di Ottone, che approda l’Appennino Festival per il suo nuovo appuntamento: mercoledì 22 agosto infatti, alle 18.30, la rassegna offre un concerto di due giovani artisti di straordinario talento, ossia l’arpista Sara Pavesi e il basso Agostino Subacchi. Saranno loro i protagonisti dell’evento che si collega alle celebrazioni di San Bartolomeo, patrono di Ottone, e nel contempo rappresenta anche un’occasione per immergersi nella storia “colombiana” dell’alta Valtrebbia che trova il suo centro massimo nel borgo di Bobbio e nell’abbazia di San Colombano, ma che evidentemente si “respira” anche in altri comuni della zona.

È questo appunto il caso di Ottone e nello specifico della chiesa di San Bartolomeo, legata alle vicende del monaco venuto dall’Irlanda: non a caso infatti Pavesi eseguirà, all’arpa celtica, una silloge di brani tratti dall’Antifonario di Bobbio. A completare il programma saranno poi dei brani della tradizione irlandese legati al repertorio arpistico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La serata, che prevede anche la possibilità di visitare dalle 17 le collezioni splendide del Museo diocesano di Ottone, offre dunque l’occasione di apprezzare un luogo forse meno conosciuto delle vallate piacentine ma ricco di storia: l'attuale complesso di San Bartolomeo è infatti il risultato della fusione di tre chiese, una precedente all’anno Mille di cui non ci sono tracce, una romanica del XIII secolo a tre navate comprendente l'attuale torre campanaria e una terza edificata tra la fine del XVI e gli inizi del XVII secolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta dopo lo schianto contro il terrapieno, muore un uomo

  • Schianto all’incrocio: tre feriti, gravissima una ragazza

  • Fontana: «Il virus girava da mesi, Piacenza è la provincia con i numeri peggiori»

  • Assalto al bancomat nella notte, il colpo va a segno

  • Carabinieri chiamati per una lite trovano il bar pieno di gente, multa e locale chiuso

  • Intossicato mentre lavora in una cisterna, operaio gravissimo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento