L'Asparago che Piace va in città, aperitivo a Palazzo Gotico

Nuovo appuntamento mercoledì 23 maggio per “L’Asparago che Piace va in città”, aperitivo sotto i Portici di Palazzo Gotico. Parteciperanno all'iniziativa rinomati cuochi e pasticceri, nonchè dodici note aziende vitivinicole

L’Asparago Piacentino non demorde: a causa di un brutto temporale l’evento non ha potuto svolgersi lunedì 21 maggio, ma più decisi che mai e fiduciosi nel bel tempo vi diamo appuntamento per mercoledì 23 maggio a partire dalle 18:30 sotto i Portici di Palazzo Gotico in Piazza Cavalli a Piacenza.

I cuochi sono pronti, i vini in fresca e i pasticceri più creativi che mai.

Babà, sandwich, flan, cappellacci, risotto e muffin tra le proposte creative a base di aspargi di Antica Trattoria da Cattivelli, Ostreria F.lli Pavesi, La dispensa dei Balocchi, Le Proposte, Ristorante Milvera e Galileo.

Per finire in dolcezza, latte in piedi con cuore di fragole e streusel alle mandorle Cattivelli, gelato crema all’asparago della pasticceria Mil Sabores e straordinario gâteau du bonne humeur preparato da Falicetto.

Sulle note musicali jazz e swing del duo Travel Song Project con Carmelo Tartamella e Odilla Rey potrete degustare i vini DOC dei produttori della Strada dei Vini dei Colli Piacentini giocando agli abbinamenti migliori.

Un ringraziamento particolare all’Amministrazione Comunale e all’Assessore Putzu per il sostegno e la collaborazione all’iniziativa che coinvolge, oltre al Consorzio dell’Asparago Piacentino, anche le Strade vini e sapori piacentine e FIPE Piacenza.

      

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento