menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un momento della festa

Un momento della festa

Avis e Aido di Alseno insieme per la festa di Halloween

Avis e Aido di Alseno insieme per la festa di Halloween. Con il preziosissimo contributo delle pizzerie locali e degli esercizi commerciali alsenesi le due associazioni hanno realizzato una serata di festa nella sede Avis del paese.  

Avis e Aido di Alseno insieme per la festa di Halloween. Con il preziosissimo contributo delle pizzerie locali e degli esercizi commerciali alsenesi le due associazioni hanno realizzato una serata di festa nella sede Avis del paese.  

Obbligatorio il travestimento per rinnovare la tradizione celtica “cacciamostri” che ha coinvolto diverse famiglie presentatisi travestite. Verso le ore 20.30 hanno girato le vie del paese per il consueto “dolcetto o scherzetto?”. Ormai i concittadini sono abituati a questa tradizione importata da oltreoceano e da ormai tre anni stanno portando avanti questa iniziativa che quest’anno abbiamo allargato anche al pubblico più piccolo, quello che preferiamo.

Nelle case delle malcapitate vittime hanno quindi lasciato un segno del nostro passaggio con i nostri loghi di Avis e Aido e una frase commemorativa dell’evento: “dove non c’è immaginazione c’è orrore, dove noi siam gioia e amore portiam” Avis e A ido per Halloween 2016.

«Difatti è con questo spirito che le nostre associazioni collaborano nel realizzare eventi ed ogni occasione è per noi buona per ricordare quanto importante e bello è donarsi. Se giochiamo con la parte più “macabra” di halloween non possiamo non ricordarci quanto è bella e importante è la vita: una vita sana e in salute. Una vita basata sul rispetto reciproco e sulla gioiia. Valori e temi che non ci stanchiamo mai di diffondere». Si legge in una nota di Avis.

Silvano Bocciarelli e Annamaria Grossi (presidente AIDO): «Siamo molto soddisfatti e orgogliosi dell’iniziativa che ha portato in sede diverse decine di bambini provenienti anche dalle frazioni. Una bella serata di festa e di entusiasmo che ci danno la forza e l’incoraggiamento di migliorarsi in continuazione. In una cronaca che spesso è colorata di nero sicuramente aver vicino il nostro futuro sorridente ed entusiasta è per noi motivo di grande orgoglio e ci rende consapevoli della grande responsabilità che abbiamo per migliroare il nostro domani. Il presidente emerito AVIS Zorzi aveva definito l’associazione un "virus" una cosa che cresce e si propaga velocemente all’interno della persone. Ecco con questo spirito noi vogliam trasmettere il nostro virus alla comunità». 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Nuovo Decreto, oggi verrà definito il colore dell'Emilia-Romagna

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    Covid-19: nel Piacentino 77 nuovi casi e sette decessi

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento