rotate-mobile
Eventi

"Cinecittà", al Municipale atteso appuntamento con Christian De Sica

Senza dubbio uno degli eventi più attesi della Stagione: Christian De Sica per la prima volta sul palcoscenico del Teatro Municipale di Piacenza. Appuntamento giovedì 22 gennaio alle ore 21 con "Cinecittà"

Si tratta senza dubbio di uno degli eventi più attesi della Stagione: Christian De Sica per la prima volta sul palcoscenico del Teatro Municipale di Piacenza. L’appuntamento è giovedì 22 gennaio alle ore 21 con “Cinecittà”, per la regia di Giampiero Solari, nell'ambito della Stagione di Prosa 2014/2015 “Tre per Te”, direzione artistica di Diego Maj, proposta da Teatro Gioco Vita con la Fondazione Teatri, il Comune di Piacenza e il sostegno di Fondazione di Piacenza e Vigevano, Cariparma, Iren. Lo spettacolo è fuori abbonamento.

Scritto da Christian De Sica, Riccardo Cassini, Marco Mattolini e Giampiero Solari, “Cinecittà” vede in scena al fianco di De Sica Ernesta Argira, Daniele Antonini e Alessio Schiavo, il corpo di ballo è formato da Roberto Carrozzino, Roberto D’Urso, Deborah Esposito, Dalila Frassanito, Veronica Lepri, Tommaso Petrolo. Il disegno luci è firmato da Marcello Iazzetti, la regia video da Cristina Redini, le scenografie da Patrizia Bocconi, i costumi da Ester Marcovecchio e le coreografie da Franco Miseria. Le musiche sono eseguite dal vivo dall’orchestra diretta dal maestro Marco Tiso, con Riccardo Biseo al pianoforte. Lo spettacolo è prodotto e distribuito da Bags Live.

Christian De Sica aprirà al pubblico i cancelli di Cinecittà e lo farà entrare contemporaneamente in due mondi magici: il cinema e il teatro. Del resto, se escludiamo gli addetti ai lavori e i diretti interessati, nessuno sa come si chiamano gli studi cinematografici in Francia, in Inghilterra o in Germania. Mentre, oltre a “Hollywood”, l’unico altro termine conosciuto universalmente è “Cinecittà”.

Cinecittà è una parola che riporta ad un mondo fantastico, ad un secolo di storia del cinema scritta da artisti geniali, ma costruita anche sul lavoro di migliaia di comparse, di eccellenti maestranze. Una favola accompagnata da musiche indimenticabili, da parole e canzoni che fanno parte del nostro quotidiano. Una storia che appartiene alla cultura italiana ma che ha ispirato tutto il cinema  internazionale. Il rapporto fra Cinecittà e Christian De Sica è profondo già da prima della sua nascita grazie al padre Vittorio e alla madre Maria Mercader. Christian cresce a Cinecittà prima da adolescente accompagnando il padre, poi con i primi piccoli ruoli, per approdare agli Studi da attore affermato.

Christian De Sica ha attraversato in maniera trasversale la Città del Cinema: da bambino ha visto girare per casa prima i mostri sacri del nostro cinema e poi quelli dell’epopea dei kolossal hollywoodiani sul Tevere. È cresciuto con Rossellini e i suoi figli e ha sposato la sorella di Carlo Verdone. Nella sua vita professionale ha partecipato a decine di film da protagonista, raccogliendo, nella quasi totalità, grandissimo successo. Christian De Sica è non solo attore, ma autore, sceneggiatore, regista. Chi meglio di lui, allora, per raccontare la storia di Cinecittà, in uno spettacolo elegante e sorprendente che va da Mussolini al neorealismo, dal cinepanettone a Santoro e alla De Filippi?

Irresistibili racconti di vita vissuta, monologhi poetici sulle figure nascoste che rimangono sempre dietro le quinte, divertenti gag su provini, sugli attori smemorati, sul doppiaggio improvvisato, ma anche canzoni evergreen enfatizzate dalle abili doti del Christian crooner ed entertainer. Con De Sica sul palco una compagnia completa, un corpo di ballo e un’orchestra di molti elementi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Cinecittà", al Municipale atteso appuntamento con Christian De Sica

IlPiacenza è in caricamento