Piacenza Jazz Fest 2017 inaugura allo Spazio Rotative

La cantante Sarah McKenzie in quartetto aprirà domenica 26 febbraio la quattordicesima edizione del festival. Per la prima volta a Piacenza la nuova stella del jazz considerata l'erede di Diana Krall

Un'immagine di Sarah McKenzie

Partenza di grande classe per l’edizione 2017 del Piacenza Jazz Fest. Il concerto inaugurale è affidato a un astro nascente del Jazz, conosciuto a livello mondiale. E tanti sono i luoghi del mondo racchiusi nella sua ancora giovane biografia (la ragazza non ha ancora trent’anni). Lei si chiama Sarah McKenzie, australiana di nascita, studi di pregio e gavetta nei jazz club degli Stati Uniti, da tempo trasferitasi a Parigi, città che torna anche nel titolo del suo ultimo album uscito solo il mese scorso: “Paris in the rain”.

Assolutamente imperdibile, dunque, questa prima piacentina resa possibile grazie al Jazz Fest, in programma per domenica 26 febbraio alle ore 21.15 allo Spazio “Le Rotative” di via Benedettine 66 a Piacenza. Il festival piacentino è organizzato dall’associazione culturale Piacenza Jazz Club, patrocinato dal MiBACT, con il sostegno di Fondazione di Piacenza e Vigevano, Comune di Piacenza, Comune di Fiorenzuola, Regione Emilia-Romagna e con il contributo di alcune realtà istituzionali e imprenditoriali del territorio. I biglietti per questo concerto sono acquistabili nei pomeriggi feriali dalle 15.30 alle 19.30 presso la sede del Piacenza Jazz Club, il sabato mattina dalle 10.30 alle 12.30 presso il negozio Alphaville di Piacenza, oppure online sul sito www.liveticket.it.

Dopo aver incantato i fan del jazz con il suo album di debutto del 2015 per la Impulse! Records, “We Could Be Lovers”, Sarah McKenzie torna con il sensazionale seguito, “Paris in the Rain”. Come per il precedente album, la cantante, pianista e compositrice di 28 anni, nata a Melbourne, fa squadra con il grande Brian Bacchus, che ha prodotto i classici di star del calibro di Norah Jones, Lizz Wright e Gregory Porter, per consegnarci un programma avvincente di classici jazz e brani inediti. La cantante e autrice si è trasferita a Parigi dopo la laurea al Berklee College of Music di Boston e questo ultimo album fresco di stampa si può considerare la sua lettera d'amore per la “Ville Lumière”. I testi che giocano tra fantasiose alternanze di francese e inglese, così come le musiche e il ritmo serrato e coinvolgente dei brani, si propongono di catturare della capitale francese la sua bellezza, la sua magia, in una parola il suo spirito.

Non c’è solo Parigi in questo suo ultimo lavoro, ma tanto delle esperienze maturate nei lunghi tour in giro per il mondo con altrettanti omaggi a luoghi dalla cantante molto amati come l’Italia (“When in Rome” di Cy Coleman e Carolyn Leigh), il Portogallo (“Triste” di Jobim) e Londra (“Tea for Two” di Irving Caesar) per concludersi con un omaggio al tema del viaggio in sé con “Road Chops”, scritto dalla stessa McKenzie, che evoca la vertigine dell’esplorazione del mondo in libertà.

Quest’ultimo è già il quarto album per la cantante; i primi due acclamati dalla critica, “Don’t Tempt Me” e “Close Your Eyes”, hanno attirato l’attenzione di molte star internazionali in visita a Melbourne. Grazie alla partecipazione a Umbria Jazz, la McKenzie, ha vinto una borsa di studio che le ha consentito di studiare a Boston, dove si è diplomata al Berklee College of Music. Poi sono venuti i numerosi premi e riconoscimenti nazionali e internazionali, anche se la prima notorietà è arrivata nel 2012 nel suo Paese con la conquista del primo posto nella categoria "Best jazz album" degli Aria Awards (Australian Grammys) con il disco "Close your eyes". Da quel momento è seguita una serie di partecipazioni a importanti festival e lunghi tour con alcuni grandi del jazz e del pop come Michael Bublé, Chris Botti, John Patitucci e il nostro Enrico Rava. Musicisti che hanno mostrato di apprezzare la sua particolare timbrica e il groove squisitamente jazzy al pianoforte  Influenze e stili che emergeranno nel concerto di domenica sera, dove la musicista si presenterà accompagnata da Hugo Lippi alla chitarra, Pierre Boussaguet al contrabbasso e Marco Valeri alla batteria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per maggiori informazioni si consiglia di visitare il sito www.piacenzajazzfest.it o visitare la pagina Facebook del festival www.facebook.it/piacenzajazzfest. Per contatti si può scrivere alla mail a biglietti@piacenzajazzclub.it oppure telefonare allo 0523.579034 – 366.5373201

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento