Alle fasi conclusive la XIV edizione del Concorso Internazionale “Flaviano Labò”

Venerdì 3 febbraio presso il Salone degli Scenografi del Teatro Municipale la semifinale che porterà alla rosa dei finalisti. Serata finale domenica 5 febbraio alle 18 alla Sala dei Teatini

Un'immagine della Sala dei Teatini

La XIV edizione del Concorso Internazionale per giovani voci liriche "Flaviano Labò” è arrivata alle fasi conclusive. Oggi presso il Salone degli Scenografi del Teatro Municipale di Piacenza si disputeranno, infatti, le semifinali che decreteranno la rosa dei cantanti che accederanno alla finale che si terrà domenica 5 febbraio alle ore 18 presso la sala dei Teatini di Piacenza.

Partiti in 130, i cantanti che questa mattina verranno ascoltati e giudicati dalla prestigiosa giuria del concorso saranno 36 suddivisi nei diversi registri vocali: soprani, mezzosoprani, tenori, baritoni e bassi. Un'edizione che è partita proprio il giorno del 90° compleanno di Flaviano Labò (01.02.1927) e che vede l'introduzione del Premio Speciale “Sergio Buonocore” per il/la candidato/a che non abbia ancora compiuto 26 anni il 1 febbraio 2017, istituito in memoria del Presidente dell'Associazione Amici della Lirica di Piacenza Sergio Buonocore, prematuramente scomparso nell'agosto 2016.

Sono 24 le nazioni rappresentate nel Concorso “Flaviano Labò”, che si delinea a tutti gli effetti come una grande opportunità per i giovani cantanti lirici di farsi conoscere e apprezzare da una giuria di esperti in ambito teatrale. I finalisti inoltre potranno essere impegnati nella programmazione della Stagione 2017-2018 della Fondazione Teatri di Piacenza e/o in manifestazioni e concerti organizzati dall’Associazione Amici della Lirica, mentre al vincitore verrà assegnato un premio in denaro pari a 5mila euro dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano. Premi in denaro sono previsti anche per il secondo classificato (3mila euro dalla Fondazione Vittorio Polli ed Anna Maria Stoppani), per il terzo (2mila euro da parte degli sponsor dell'Associazione Amici della Lirica) e per il Premio Speciale “Sergio Buonocore” (mille euro dall'Associazione Amici della Lirica di Piacenza)

A giudicare le doti vocali dei cantanti in concorso sarà quindi una giuria nominata dall'Associazione Amici della Lirica di Piacenza composta da Alejandro Abrante (Intendente e coordinatore artistico, Opera de Tenerife – Spagna), Cristina Ferrari (Direttore artistico, Fondazione Teatri di Piacenza), Giovanna Lomazzi (Responsabile Casting, Teatro Sociale As.Li.Co – Como), Eleonora Pacetti (Responsabile Young Artist Program, Teatro dell'Opera di Roma), Cristiano Sandri (Segretario Artistico e Consulente casting, Opera di Firenze; Responsabile della programmazione artistica, Teatro Regio di Parma), Vittorio Terranova (Direttore Artistico Concorso Internazionale di canto lirico "Ferruccio Tagliavini" – Deutschlandsberg, Austria) e Giuliana Biagiotti Buonocore (Presidente, Amici della Lirica di Piacenza).

I vincitori del concorso, che ricordiamo verranno nominati domenica 5 febbraio alla Sala dei Teatini al termine del concerto che avrà inizio alle 18 e che vedrà i cantanti accompagnati dall'Orchestra Filarmonica Italiana diretta da Fabrizio Cassi, si esibiranno poi martedì 7 febbraio alle 21 presso l'Auditorium della Fondazione di Piacenza e Vigevano in via Santa Eufemia 12.

Sia il concerto del 5 febbraio alle 18 alla Sala dei Teatini sia il concerto del 7 febbraio alle 21 all'Auditorium della Fondazione di Piacenza e Vigevano sono ad ingresso gratuito.                       

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento