Concorto 2010, alla norvegese Hanne Larsen l'ambito "Asino d'oro"

E' stata la norvegese Hanne Larsen, con il corto "Ella", una storia intimista e dolorosa, a vincere il primo premio della prestigiosa kermesse di Pontenure

concorto1_1Gran finale per Concorto 2010: ieri sera al Parco Raggio di Pontenure ultimo appuntamento con il Festival cinematografico che ha visto in gara un centinaio di cortometraggi, girati da registi provenienti da ben 28 Paesi diversi, per la conquista dell'ambito gran premio "Asino d'oro". A conquistare il primo posto in classifica è stata la regista norvegese Hanne Larsen (nella foto sotto), con il corto Ella, giudicato dalla giuria ufficiale del Festival la miglior opera in assoluto tra tutte quelle presentate.

MENZIONE SPECIALE DELLA GIURIA - Si tratta di un corto insolito e personale, tra l'altro recitato benissimo dalla anziana protagonista, che racconta con coraggio e sincerità una dolorosa vicenda umana. Le menzioni speciali della giuria sono state poi assegnate al corto italiano Big Bang Big Boom, di Blu, originale rivisitazione dell'inizio dell'Universo, e all'opera La conquista dell'America, di Mattia Petullà, affascinante riflessione intellettuale strutturata sulla base di immagini evocative e ricche di simbolismi.

FICTION INTERNAZIONALE - Per la sezione Fiction Internazionale è stato premiato il corto I do air, della regista italo-inglese Martina Amati, che ha realizzato un poetico e surreale filmato ambientato in una piscina, mentre per la sezione Fiction Italiana ha primeggiato il regista Davide Del Degan con la sua opera Habibi, un lungo flash-back che porta lo spettatore a rivivere l'esperienza del protagonista in un Medio Oriente splendidamente fotografato.

CONCORTISSIMO - Di sapore esotico anche il corto vincitore della sezione Doczone, il pittoresco Wagah, del regista Supryio Sen, un documentario che racconta con gli occhi di un bambino la rituale cerimonia di chiusura dell'unico passaggio esistente in un lunghissimo tratto del confine India-Pakistan. Tra i brevissimi cortometraggi della sezione Concortissimo hanno trionfato a pari merito il corto olandese Geboren eu Getogen, di Eelko Ferwerda, e Civilitation, del regista francese Claude Duty, che ha saputo rivisitare in chiave surreale ed ironica il fenomeno del colonialismo.

CORTOJAZZ - La regista norvegese Anita Killi, con il suo film d'animazione Sinna mann, sorta di fiaba gotica emozionante e agghiacciante insieme, ha trionfato nella sezione Cortografia, mentre la sezione Esplora, inerente i film sperimentali, ha visto vincitore Synchronisation, del regista lituano Rimas Sakalauskas. Infine, novità assoluta di questa edizione di Concorto, la sezione Cortojazz, frutto di una collaborazione con il Piacenza Jazz Club, in cui ha trionfato il corto Too Damne Late, di Anna Martine Nilsen e Maria Antolini.

MENZIONE SPECIALE DELLA DIREZIONE ARTISTICA - Una menzione speciale da parte della Direzione Artistica del Festival è stata poi attribuita al corto Rita, dell'italiano Antonio Piazza, che ha realizzato un'opera ritenuta particolarmente valida sotto il profilo squisitamente artistico. La giuria ufficiale del Festival non è stata però la sola ad assegnare i premi, perché quest'anno è stata affiancata da tre altre giurie composte rispettivamente da alunni delle scuole elementari, delle scuole medie inferiori e del Liceo Classico ed Artistico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

CORTOKIDS E CORTOYOUNG - Invitati a salire sul palco, i rappresentanti delle giurie dei tre ordini di scuole hanno proclamato i vincitori dei premi da loro assegnati e le relative motivazioni. Il premio Cortokids, assegnato dai più giovani, è andato al divertente film d'animazione Pigeon: impossibile, del regista austriaco Lucas Martell, mentre è stato decretato miglior Cortoyoung l'ironico Bulli si nasce, dell'italiano Massimo Cappelli. Le opere, ambedue francesi, Next Floor,di Denis Villeneuve e L'art délicat de la matraque, di Jean-Gabriel Périot hanno ricevuto infine il riconoscimento da parte della giuria formata dagli studenti liceali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Ha una relazione con l'allieva, lei lo perseguita e lui la denuncia per stalking

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento