menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alimentazione e tumori, venerdì 18 marzo presso l'Università Cattolica

Alimentazione e tumori, venerdì 18 marzo presso l'Università Cattolica

Alimentazione e tumori, il 18 marzo se ne parla alla Cattolica

Focus sulle novità relative al legame tra alimentazione e tumori in occasione del convegno di venerdì 18 marzo. Appuntamento alle 9 presso il centro congressi G. Mazzocchi dell'Università Cattolica

Il legame tra l’alimentazione e i tumori è forte e indissolubile, oltre che scientificamente dimostrato. Sulle novità relative a questo legame sarà centrato il convegno organizzato da IEO  - Istituto Europeo di Oncologia e Università Cattolica il 18 marzo prossimo presso il centro congressi G. Mazzocchi della Cattolica di Piacenza.

Per la seconda volta l’Istituto Europeo di Oncologia e la Facoltà di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali dell’Università Cattolica, propongono un momento di approfondimento dedicato al rapporto fra l’alimentazione e la patologia tumorale, dalla sua genesi al suo trattamento. 

“Focus centrale della giornata il possibile ruolo delle molecole bio-attive presenti negli alimenti, nella prevenzione delle neoplasie. Legata a questa tematica troviamo altre interessanti interventi sulla dieta mediterranea e sul ruolo della fibra e dei glucosinolati nello sviluppo del carcinoma colon-rettale. – spiega Filippo Rossi, ricercatore dell’Istituto di Scienze degli Alimenti e della Nutrizione (ISAN) della Cattolica e componente del comitato scientifico dell’evento del 18 marzo prossimo -. Abbiamo poi voluto dare spazio al ruolo dei grassi nella formazione dei tumori cerebrali, argomento solitamente poco trattato nei momenti formativi”.

Si parlerà anche di carne rossa, al centro dell’attenzione dopo la recente monografia pubblicata dall’International Agency for Research on Cancer (IARC) sulla relazione tra il suo consumo e il rischio di tumore.

“I tumori di interesse gastroenterologico saranno l’oggetto di tre interventi per chiarire le cause alimentari del tumore gastrico, il ruolo dell’ocratossina A sull’insorgenza del carcinoma epatico e quello del microbiota intestinale sullo sviluppo del tumore al colon-retto” - sottolinea ancora Rossi.

Un’opportunità per tutto il territorio, che nasce da una partnership pluriennale tra Università Cattolica e Istituto Europeo di Oncologia di Milano e che si avvale del patrocinio dell’Ordine Provinciale dei medici chirurghi e degli Odontoiatri di Piacenza, dell’Associazione nazionale dietisti, della Società Nazionale di Nutrizione Umana e dell’Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica. L'iniziativa è sostenuta dal contributo incondizionato di Fondazione Invernizzi, Pharmaextracta, DS Medica Asoltech, PiaceDoc, Consorzo salumi DOP Piacentini, Cabassi&Giurati e Nutriva.

Questo momento di formazione è accreditato nell’ambito E.C.M. (Educazione Continua in Medicina), che attribuisce 7 crediti formativi alle figure professionali sanitarie coinvolte. 

Per informazioni rivolgersi alla segreteria organizzativa Proteo srl, tel. 0523/332722, e-mail proteo@proteo-srl.it.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento