«Crederci sempre, non mollare mai»: in cattedra Paolo Pizzo campione del mondo di spada individuale 2011

Paolo Pizzo, campione del mondo di spada individuale 2011, è salito in cattedra alla Cattolica come ospite dell’incontro A tutto campus il 12 maggio. Ha parlato agli studenti di determinazione, continuità, equilibrio, solidità e impegno

Paolo Pizzo con gli studenti durante l'incontro

Crederci sempre, non mollare mai, mettersi costantemente in gioco: ecco come si raggiungono gli obiettivi. Parola di Paolo Pizzo, Campione del Mondo di spada individuale 2011 e ospite dell’incontro A tutto campus, organizzato dalle Relazioni esterne della Cattolica di Piacenza in collaborazione con la Provincia di Piacenza (presente l’assessore Massimiliano Dosi) e con l’insegnamento di organizzazione aziendale della docente Franca Cantoni il 12 maggio scorso, all’Università Cattolica di Piacenza.

Nell’esperienza di  Paolo Pizzo motivazione, autoefficacia e disciplina sono elementi costantemente presenti, che gli hanno permesso di raggiungere il traguardo che vale la carriera, dimostrando che gli sforzi di una vita prima o poi vengono ripagati. Soprattutto se ad essi si accompagna la voglia di mettere definitivamente da parte il ricordo di un'esperienza dolorosissima che ha segnato profondamente un periodo importante dell'esistenza. Perché Pizzo era un campione prima ancora di salire sul podio. La sua sfida, quella contro un tumore che lo colpì alla testa quando aveva 13 anni, l'aveva già vinta.
Ai numerosi studenti intervenuti, ha parlato di determinazione di continuità, equilibrio, solidità e impegno: perché è così che si diventa campioni nello sport e nella vita.

Ma qual è il movente del suo continuo successo?: «Non sedersi mai, elaborare vittorie e sconfitte per acquisire elementi nuovi di istruzione, per migliorarsi continuamente, affinando i particolari». Perché dietro l’eccellenza c’è un mettersi alla prova giorno per giorno «è il lavoro la base per raggiungere i livelli più alti – conferma Pizzo - . E poi c’è la valutazione: quella del tuo maestro, del tuo team, della gare e poi la tua autovalutazione personale». E per mantenere alta la motivazione? «L’automotivazione è il sale della vita. La sfida contro i tuoi limiti, la voglia di andare sempre oltre, è la fonte principale della voglia di impegnarsi in un percorso di crescita non sempre lineare, in cui si impara facendo, assorbendo e facendo propri gli insegnamenti e facendosi contaminare dalla relazione e dall’interazione con gli altri atleti».  Parola di Campione del mondo

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Come non sporcare la mascherina con il trucco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento