Teatro Danza, Ziya Azazi in "Dervish"

Sfida e superamento dei limiti, limiti fisici e psichici che la danza, come nessun’altra disciplina, è in grado di rendere concreti e tangibili. È il tema che fa da filo conduttore di un ricco programma che si articola tra spettacoli, incontri e testimonianze, workshop per gli allievi delle scuole di danza. È il cartellone Teatro Danza della Stagione di Prosa 2015/2016 “Tre per Te” del Teatro Municipale di Piacenza, organizzata da Teatro Gioco Vita, direzione artistica di Diego Maj, con Fondazione Teatri di Piacenza e il sostegno di Fondazione di Piacenza e Vigevano.

La programmazione di Teatro Danza è curata da Roberto De Lellis ed è proposta in collaborazione con Ater.

Appuntamento di livello internazionale a Piacenza venerdì 11 marzo alle ore 21 al Teatro Comunale Filodrammatici, con l’artista turco Ziya Azazi, straordinario danzatore e coreografo, che presenta lo spettacolo “Dervish”, nel quale interpreta in chiave contemporanea le danze tradizionali sufi. Le musiche sono di Uwe Felchle, Mercan Dede, le luci di Lutz Deppe, i costumi di Okishi. Lo spettacolo è prodotto da ZA&Office e il tour è organizzato in esclusiva italiana da md spettacoli. 

Al termine della performance è previsto un incontro con Ibrâhîm Gabriele Iungo, studioso di scienze tradizionali islamiche, che si confronterà con Azazi sui temi del Sufismo.

Modera Roberto De Lellis, che cura il cartellone di teatro danza. L’iniziativa di approfondimento dopo lo spettacolo è proposta con l’Associazione Amici del Teatro Gioco Vita nell’ambito del programma “InFormazione Teatrale” sostenuto dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano.  

“Dervish” è un programma a serata composto da due lavori: “Azab” e “Dervish in progress”
Ziya Azazi è stato influenzato dal Sufismo, una filosofia esistenziale, nella sua formazione di danzatore e uomo. Il misticismo è il nucleo del Sufismo, che esplora la ragione della creazione dell’uomo e dell’universo in cui vive. Secondo questa filosofia che studia la casualità dell’esistenza, l’uomo è un essere che ha bisogno di crescere e di essere illuminato. “Dervish” è il porto di arrivo di questo percorso. 

Nel Sufismo ci sono quattro porte: la Legge, il Cammino, la Consapevolezza e il Discernimento. La porta della Legge è la prima ed è il gradino più basso del viaggio. Giunti alla porta del Cammino, il pensiero di diventare una pura entità matura attraverso la pratica e la ripetizione. La porta della Consapevolezza è il punto dove si giunge alla pura realtà e si trasmette conoscenza agli altri. “Azab” descrive lo sforzo dell’uomo nell’attraversare queste tre porte. Nell’esprimerlo, l’artista spesso sfrutta la rotazione su piano orizzontale. La ricerca che viene portata sul palco è sia filosofica che artistica. 

Il viaggio termina nel conoscere e riconoscere se stesso proprio alla porta del Discernimento. “Dervish in Progress” parte da quest’ultima porta. Qui il senso di completezza e di gioia sono visibili in ogni movimento dell’artista. La chiarezza del corpo sul palco si fonde con l’imprevedibile movimento della gonna. La grazia della rotazione riflette il luogo in cui la sua mente si trova nel compiersi del viaggio. Ziya Azazi, che ha superato le porte della Legge, Cammino e Consapevolezza in “Azab”, apre le porte del Discernimento in “Dervish in Progress”. 

Nella seconda parte della performance (“Dervish in Progress”), Ziya Azazi ci aspetta con le sue gonne sulla soglia dell’ultima porta del Sufismo, il Discernimento, e riflette la sua gioia di conoscere, riconoscere e di andare oltre se stesso condividendo questo momento con il pubblico. Le gonne usate sono un elemento indispensabile nella sua danza. Cambiano forma costantemente durante tutta la performance. Non sono solo costumi ma diventano una vera e propria parte di lui, un partner, un mantello, una coperta dietro cui nascondersi. Le rotazioni ripetute aumentano sia la consapevolezza fisica che la consapevolezza meditativa. 

Al termine dello spettacolo incontro con  IBRÂHÎM GABRIELE IUNGO, studioso di scienze tradizionali islamiche

Teatro Comunale Filodrammatici - TeatroDanza
venerdì 11 marzo 2016 - ore 21

Ziya Azazi  in “DERVISH”
coreografia e danza Ziya Azazi - musiche Uwe Felchle, Mercan Dede  - luci Lutz Deppe  - costumi Okishi - produzione ZA&Office 

tour organizzato in esclusiva italiana da md spettacoli 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Opera Streaming, "Omaggio al Sommo Poeta – Gianni Schicchi nell’Inferno di Dante"

    • Gratis
    • 22 gennaio 2021
    • Online su Opera Streaming

I più visti

  • Paladino a Piacenza, in Piazza Cavalli fino al 28 febbraio 2021

    • Gratis
    • dal 10 ottobre 2020 al 28 febbraio 2021
    • Piazza Cavalli
  • Il contagio delle idee, “La vera storia del Klimt ritrovato”

    • solo domani
    • Gratis
    • 22 gennaio 2021
    • Online Pagina Facebook Comune di Gossolengo
  • "La scrittura come enigma", riaperta la mostra di Giorgio Milani in Sant'Agostino

    • Gratis
    • dal 12 gennaio al 28 febbraio 2021
    • Ex-Chiesa di Sant'Agostino
  • Piacenza Cammina 2.0, escursione alla Cascata del Carlone

    • Gratis
    • 24 gennaio 2021
    • Cascata del Carlone
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    IlPiacenza è in caricamento