Dirty Run, la prima corsa nel fango piacentina parte da Montecucco l’11 luglio

L’11 luglio, sabato, è la giornata dedicata a questo evento che è stato presentato ufficialmente nella sala del Consiglio comunale alla presenza del sindaco di Piacenza Paolo Dosi e degli assessori Giorgio Cisini e Katia Tarasconi, rispettivamente Sport e Commercio, ai quali è stato dedicato e regalato il pettorale della gara

Dirty Run in inglese significa “corsa sporca” e tanto basta per rendere l’idea di ciò che sarà uno degli eventi sportivi (ma anche e soprattutto ludici) più importanti di questo 2015 piacentino. L’11 luglio, sabato, è la giornata dedicata a questo evento che è stato presentato ufficialmente nella sala del Consiglio comunale alla presenza del sindaco di Piacenza Paolo Dosi e degli assessori Giorgio Cisini e Katia Tarasconi, rispettivamente Sport e Commercio, ai quali è stato dedicato e regalato il pettorale della gara.

Una corsa, sì, ma non competitiva e aperta a tutti. Si partirà alle 16 dal parco di Montecucco, a Piacenza, per tagliare il traguardo sempre nello stesso parco ma decisamente più “luridi” di quando si è partiti. Dieci chilometri di puro divertimento con ostacoli, sia artificiali che naturali, correndo, strisciando e saltando tra fango, acqua, fuoco, polvere, paglia e legno. Adrenalina e spasso sono garantiti, anche senza essere atleti: la corsa, come si diceva, è aperta a tutti purché maggiorenni e in possesso di certificato medico.

Alla partenza e arrivo verrà allestito il Villaggio Dirty con docce, info point, assistenza medica, ristori oltre a trucco e parrucco per chiunque volesse rendere il proprio aspetto più “pittoresco” e dunque decisamente più d’impatto nelle immagini fotografiche e video che verranno scattate e girate dai fotografi e videomaker di Ndr Studio prima, durante e dopo la corsa. Aspetto pittoresco in linea con lo spirito di una manifestazione che gli organizzatori – l’Associazione Sportiva Dilettantistica Fanghiglia (il nome è tutto un programma) – hanno deciso di portare per la prima volta in assoluto a Piacenza sull’onda del crescente successo che questo tipo di eventi sta riscuotendo in America e in Europa: le cosiddette “Mud Run”, o corse nel fango, stanno davvero spopolando perché danno l’opportunità di fare sport divertendosi come matti, tornando bambini. E a proposito di bambini, se la corsa “principale” è riservata ai maggiorenni, è stato pensato e organizzato anche un evento specifico dedicato ai più piccoli: tutti i bimbi dai 6 agli 11 anni avranno la possibilità di partecipare alla Dirty Run Kids che partirà sempre da Montecucco alle 10,30 dello stesso Sabato 11 luglio 2015 con possibilità di iscriversi direttamente in loco. Per la corsa degli adulti, invece, le iscrizioni resteranno aperte sino alla sera prima, venerdì 10 luglio, con la possibilità di iscriversi on-line sul sito www.dirtyrun.it o direttamente al gazebo Dirty Run allestito in piazzetta San Francesco, di fronte a piazza Cavalli, in occasione dei vari appuntamenti dei Venerdì Piacentini.

Tutto l'evento avrà una vena benefica infatti parte del ricavato andrà in beneficienza all'Associazione IL BRUKO che svolge un bellissimo e divertentissimo servizio di “CLOWN Therapy” ai bimbi meno fortunati presso i reparti di Pediatria degli Ospedali di Piacenza e Monza.

Dopo la corsa, nella stessa serata di sabato 11 luglio, è prevista una grande festa Dirty con dj set, buon cibo e tantissima birra. Festa aperta a tutti i piacentini, anche quelli che non partecipano alla corsa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Cade dalle scale di casa e batte la testa, è grave

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • Solo in Italia e ricoverato in ospedale a Piacenza, i poliziotti delle volanti si prendono cura del suo cane

Torna su
IlPiacenza è in caricamento