E' ancora successo per "Rivivi il Medioevo", in 10mila a Castellarquato

La due giorni a tema storico ha coinvolto l’intera cittadinanza di Castellarquato. L’edizione 2018 è stata l’ennesima conferma del successo che la manifestazione ha assunto in questi tredici anni di attività

Un momento della manifestazione

Si è conclusa con la giornata di domenica 9 settembre la due giorni a tema storico che ha coinvolto l’intera cittadinanza del comune di Castellarquato. L’edizione 2018 di “Rivivi il Medioevo” è stata l’ennesima conferma del successo che la manifestazione ha assunto in questi tredici anni di attività, con numerosissimo pubblico: si parla di 10mila presenze da tutta Italia e non solo.

A vincere il “Palio di Cucina Storica”, competizione che prevedeva la preparazione di piatti poveri, attinenti al periodo storico e quindi anche cotti rigorosamente su paioli e pignatte alimentate a fuoco di legna, è stata la compagnia “Masnada della Campagna Soprana, che ha così bissato il successo dell’edizione 2016. La premiazione ha previsto la consegna del drappo, riccamente decorato, e un cesto di prodotti tipici del salumificio “La Rocca”. Nel torneo internazionale di scherma in armatura è invece prevalso Karolis, uomo d’armi lituano dei Medieval Messenger , che ha sconfitto in finale l’italiano Lorenzo, della compagnia “La Zoiosa” di Mantova. L’evento è stato, come al solito, conteso da cavalieri provenienti da tutta Europa, sotto lo sguardo di un pubblico caldo e partecipe, aiutato anche dalla cronaca in diretta alla comprensione delle strategie e dei differenti colpi: un punto di forza ripreso nel tempo da tante manifestazioni simili in tutta Italia.

La sera di sabato l’evento clou è stato il suggestivo incendio della Rocca, giusto punto esclamativo alle esibizioni succedutesi nelle varie zone del paese durante l’intero evento. Hanno partecipato i gruppi: “Tamburi di Brisighella”, “Prodzopa”, “Clerici Vagantes”, “Frère Lumiere”, “Futark”, “Contrada Monticelli”, “Fra Stornati”, “Mattia Favaro” e “C’è chi c’ha”, oltre alla “Gens Innominabilis”, ideatrice dell’importante torneo di scherma. Ad essa, insieme alla Pro Loco del paese, va anche il merito di organizzare ogni anno la manifestazione: un viaggio nel tempo che fa sognare ad occhi aperti grandi e piccini e che vi dà appuntamento al settembre del prossimo anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento