E’ in corso la campagna “Adotta un bambino a Natale”

“Adotta un bambino orfano a Natale” e aiuta padre Luigino Vitella a costruire “la scuola dei mestieri” a Kamenge, in Burundi

E’ in corso la campagna “Adotta un bambino a Natale” della Associazione “Valeria Tonna onlus” per condividere l’adozione a distanza di un bambino orfano e ricordare ai piacentini che hanno già adottato in questi anni di rinnovare il loro impegno per l’adozione. Sono 1.500 i bambini orfani del Burundi adottati in questi anni da famiglie di piacentini. Ora il nuovo appello per le adozioni e per sostenere la costruzione della “scuola dei mestieri” che insegna a questi orfani, quando compiono 14 anni, un lavoro. Stanno aderendo alle due iniziative anche i volontari della Associazione “Carmen Cammi”. Giovanna Armellini Arata è andata, assieme ad Enrico Merli, in Burundi da padre Luigino Vitella ed ha toccato con mano la situazione.

Ecco il suo appello: "Facciamo entrare nella nostra famiglia quest’anno un piccolo orfano del Burundi che aspetta il nostro aiuto con urgenza. Il Natale è un’occasione straordinaria per far posto a una esperienza straordinaria. Io la vivo già da molti anni e non è rimasta soltanto una emozione creata da una fotografia o da una serie di notizie riguardanti l’orfano adottato:  da quando sono tornata dal mio viaggio in Burundi per me significa sentire ancora l’abbraccio, la manina stretta nella mia, le parole che non ho mai capito, i sorrisi, i dolcissimi canti ed il ritmo della musica, un grandissimo amore negli occhi. E da allora il mio  Natale è anche per loro come mamma e come nonna di quei 1500 bambini della nostra associazione che tanti piacentini come me hanno deciso di adottare e che sognano di poterli abbracciare come ho fatto io". "Ogni genitore che adotta - annuncia Giovanna - ha una benedizione speciale, quella che Padre Luigino Vitella ci invia con tutte le preghiere di questi bambini per noi. E se per i  nostri figli un regalo in più non fa differenza, per i nostri orfani il vostro regalo è sopravvivenza, perché  li fa vivere, studiare, sentire ricordati ed amati".

"Vorrei inoltre suggerirvi – aggiunge  Giovanna  - quello che io con tante amiche ormai da anni sperimentiamo:  non ci scambiamo regali, ma lettere con le nostre personali riflessioni dell’anno appena trascorso e di tutto ciò che non abbiamo potuto condividere per mancanza di tempo e magari  di voglia. Tutto ciò che risparmiamo lo devolviamo a favore dei nostri orfani". Quest’anno è partito il progetto di  raccolta fondi avente come finalità la costruzione della nuova "scuola dei mestieri" a Kamenge, iniziativa fortemente voluta da Padre Luigi Vitella e che può dare un futuro ogni anno ad un centinaio di orfani avviandoli, dopo la scuola, ad un lavoro..

"I nostri orfani - spiega Giovanna - al compimento del  quattordicesimo anno di età non ricevono più alcun aiuto sebbene rimangano nella famiglia che li ha accolti. La possibilità di poter frequentare la scuola dei mestieri per un anno, dove ricevono un pasto  ed imparano chi a fare il cuoco, chi il muratore, chi la cameriera di hotel  è una grande opportunità da dare a questi ragazzi. Un piccolo contributo  darà la possibilità a  un centinaio di orfani di frequentare un anno di "scuola dei mestieri"  con successivo avvio ad un lavoro. Voglio ringraziare l’azienda la Piadineria che ha già contribuito a sostenere questa iniziativa". Per adottare un bambino orfano e per sostenere la costruzione della “scuola dei mestieri” mettersi in contatto con l’Associazione Valeria Tonna Caritas onlus  presso la sede della Caritas di Piacenza  in via Giordani n. 21 o andare sul sitowww.valeriatonna.it o telefonare da lunedì a venerdì dalle 8.30 alle 12.30 allo 0523-332922 o scrivere all’associazione via e-mail  info@valeriatonna.it .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

Torna su
IlPiacenza è in caricamento