menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Facciamo il punto sulle “Case della salute”. Il convegno dei sindacati il 3 dicembre

I lavori si svolgeranno, con inizio alle ore 10, presso la Sala Colonne dell’Ospedale G. da Saliceto in via Taverna a Piacenza

«Domande, tante. E le risposte in arrivo, ne suggeriscono altre ancora. Il percorso che CGIL CISL UIL intravvedono indirizzato verso la sanità di domani, segna una tappa importante il prossimo 3 dicembre con l’incontro dedicato alle ”Case della salute”, aperto agli amministratori, medici e operatori della sanità ma anche ai cittadini che vogliono capire che cosa accadrà con il passaggio ad un nuovo modello di sanità territoriale.

Se gli incontri organizzati finora a Bobbio, in collaborazione con quella Amministrazione Comunale (avvenuto il 24 novembre, dedicato all’Ospedale di Comunità dell’Alta Val trebbia) e prima ancora a Piacenza (8 ottobre) hanno avuto una buona partecipazione di pubblico, soprattutto interessato alla riorganizzazione della rete ospedaliera (nuovo ospedale a Piacenza, il nodo Fiorenzuola-Villanova, ancora da sciogliere), adesso è il momento di condividere le conoscenze e le progettualità sulla “medicina d’iniziativa”, la cura della cronicità, la continuità assistenziale da assicurare alle comunità della Provincia di Piacenza, cioè su “le case della salute”. Le domande sono numerose: cosa si fa in una “casa della salute”? Come la si realizza in montagna? E in città? Per i 280.000 piacentini ci sarà uniformità di accesso? Se è nodo di una rete, qual è il rapporto con il “sociale”, e quale rapporto con gli ospedali? Quali patologie seguirà la “medicina d'iniziativa”? Quali sono i costi? E i tempi quali saranno?

Al convegno, quindi, tante cose da capire. I lavori si svolgeranno, con inizio alle ore 10, presso la Sala Colonne dell’Ospedale G. da Saliceto in via Taverna a Piacenza. L’intento è quello di far esprimere il protagonismo di medici e operatori della sanità, come svela la partecipazione di medici come relatori (dott.ssa Anna Maria Andena – Medico di famiglia, dott.ssa Mirella Gubbellini – Direttore Assistenziale Ausl e dott. Giuseppe Gregori- Pediatra di libera scelta), oltre alla presenza del direttore generale della AUSL, Luca Baldino, che potrà fornire alcune risposte ai quesiti.

Pochi giorni fa una ricerca internazionale ha dato i voti alla sanità dell’Emilia Romagna: risulta al primo posto in Italia per qualità dell'offerta sanitaria e capacità di rispondere ai bisogni di salute della popolazione. Lo studio assegna all'Emilia-Romagna 7,3 punti (il range è da 1 a 10); seguono la Lombardia (7 punti), poi Toscana e Trentino Alto Adige. Un risultato di indubbio prestigio e, al tempo stesso, il segnale che c’è un margine di miglioramento, che forse è più a portata di mano di quanto non si creda, che vale certamente la pena di provare a raggiungere. Le “case della salute” hanno molto a che fare con questi, obiettivi, goals da segnare insieme, in particolare a vantaggio delle fasce di età più delicate, i bambini e gli anziani. Il convegno promosso da CGIL CISL UIL è sia occasione di ascolto che di espressione da parte dei cittadini sulle esigenze del territorio».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento