Festival di Veleia, successo per la prima serata. Il 16 luglio l'attesissimo Alessandro Baricco

Marea di spettatori a Veleia nella serata del 14 luglio per l’atteso debutto del Festival. Il 16 luglio Alessandro Baricco e Valeria Solarino in "Palamede, l’eroe cancellato" 

Un momento della serata del 14 luglio

Marea di spettatori a Veleia nella serata del 14 luglio per l’atteso debutto del Festival.  Umberto Galimberti e Sergio Rubini hanno affascinato un pubblico attentissimo che a fine spettacolo ha aspettato l’attore e il filosofo per fare selfie, chiedere autografi, salutare e ringraziare per una serata fuori dal comune. Il premio Festival di Teatro Antico di Veleia – la bella scultura di Sergio Brizzolesi – è stata consegnata ai tre protagonisti della serata, Galimberti, Rubini, Eleonora Bagarotti, dal sindaco Jonathan Papamaranghi che ha chiamato sul palco per la consegna anche Alberto Dosi e Giorgio Milani in rappresentanza della Fondazione di Piacenza e Vigevano. I tre ospiti sono stati quindi omaggiati di un cesto di salumi La Rocca (sponsor tecnico del Festival).

Con l’entusiasmo rinnovato dal grande successo del debutto, il Festival non si ferma e il 15 e il 16 luglio, si continua con il secondo appuntamento in cartellone: Alessandro Baricco e Valeria Solarino in Palamede, l’eroe cancellato. Al termine dello spettacolo, il salumificio La Rocca di Castell’Arquato, l’azienda agricola Pier Luigi Magnelli, l'Associazione Viticoltori Val Chiavenna e Tollara Vini offriranno al pubblico e agli artisti una degustazione di vini e salumi piacentini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento