Festival Internazionale dei Giovani 2018, il debutto in piazza Cavalli

Le tappe piacentine del Festival Internazionale dei giovani che quest’anno si fregia del patrocinio Unesco. Il 26 giugno il debutto in Piazza Cavalli 

Tutto è pronto a Berceto, sull’Appennino di Parma, per accogliere l’edizione 2018 del Festival Internazionale dei Giovani, la manifestazione itinerante che sino al 2014 per 15 anni consecutivi, ha caratterizzato con base logistica Ferriere, la stagione estiva di parecchie località della nostra provincia. Dopo il trasloco a Berceto i legami con Piacenza sono però rimasti e il Festival con il suo bagaglio multiculturale ricco di tradizioni, folklore, musica e giochi popolari sarà il 26 giugno in Piazza Cavalli alle 21. Una  nuova esibizione è programmata domenica 1 luglio alle 21 nell’ambito dei festeggiamenti in preparazione alla festa patronale di Sant’Antonino. Il festival tornerà nella nostra Piazza Cavalli, sempre alle 21, nelle sere dei giorni 10-17 e 31 luglio (tutte di martedì), poi in agosto lunedì 13 e martedì 21.

Il 25 giugno la sala consiliare di Palazzo Mercanti, è stata affollata da una rappresentanza di giovani artisti di Albania che si sono esibiti con abiti tradizionali in un saggio di bravura, prerogativa comune dei circa 2mila giovani provenienti da una ventina di nazioni, che suddivisi in sette turni, da giugno a settembre, soggiorneranno a Berceto.   La programmazione delle presenze piacentine è stata illustrata in conferenza stampa con l’intervento dell’assessore alla Valorizzazione del Centro Storico, Filiberto Putzu che ha condiviso i valori sociali e culturali che il Festival promuove e del Maestro di Sport Carlo Devoti, direttore della manifestazione che quest’anno ha ottenuto anche il patrocinio Unesco, la forma più prestigiosa di sostegno che l'Organizzazione o la Commissione Nazionale Italiana per l'Unesco può apportare a un evento o ad una manifestazione, riconoscendone un alto valore sul piano scientifico, educativo o culturale, secondo i principi dell’Istituzione.

Carlo Devoti, oltre a comunicare la notizia del rilevante riconoscimento Unesco, ha sottolineato che l’edizione di quest’anno ha per tema: "Welcome - Lasciate che i giovani vengano a me", messaggio di accoglienza generale ben rappresentato dal manifesto realizzato dal pittore bettolese Getty Bisagni, il cui significato è che “sulla barca ci siamo tutti e non solo i migranti: ognuno di noi necessita di essere accolto dagli altri”. Durante la conferenza sono state proiettate immagini di varie presenze del festival a Piacenza che hanno raccontato il forte legame con la nostra città. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

  • Animale sulla strada, si ribalta con l'auto in un campo: ferito

Torna su
IlPiacenza è in caricamento