Teatro Municipale, "Filumena Marturano"

Una delle più belle commedie di Eduardo De Filippo. Due grandi protagonisti della scena italiana, Mariangela D’Abbraccio e Geppy Gleijeses. Una delle più importanti registe di cinema al mondo, Liliana Cavani, che con questo allestimento debutta nella prosa.

Gli ingredienti per fare di “Filumena Marturano” in scena martedì 23 e mercoledì 24 ottobre alle ore 21 al Teatro Municipale di Piacenza un appuntamento da non mancare ci sono tutti. Lo spettacolo prodotto dalla Gitiesse Artisti Riuniti diretta da Geppy Gleijeses inaugura la Stagione di Prosa “Tre per Te” 2018/2019 del Municipale proposta da Teatro Gioco Vita, direzione artistica di Diego Maj, con la Fondazione Teatri di Piacenza, il Comune di Piacenza e il sostegno di Fondazione di Piacenza e Vigevano e Iren.

“Filumena Marturano” è il testo di Eduardo più rappresentato all’estero, ispirato da un fatto di cronaca a partire dal quale Eduardo ha costruito una delle sue più belle commedie, dedicata alla sorella Titina. È la storia di Filumena Marturano e Domenico Soriano. Lei caparbia, accorta, ostinata contro tutto e tutti nel perseguire la propria visione del mondo, con un passato di lotte e tristezze, decisa a difendere fino in fondo la vita e il destino dei suoi figli: è la nostra Madre Coraggio. Lui borghese, figlio di un ricco pasticciere, “campatore”, amante e proprietario di cavalli da corsa, un po’ fiaccato dagli anni che passano e dalla malinconia dei ricordi, è stretto in una morsa dalla donna che ora lo tiene in pugno e a cui si ribella con tutte le sue forze. Ma è soprattutto la storia di un grande amore. La commedia porta al pubblico il tema, scottante in quegli anni, dei diritti dei figli illegittimi. Il 23 aprile 1947, infatti, l’Assemblea Costituente approvò l’articolo che stabiliva il diritto-dovere dei genitori di mantenere, istruire ed educare anche i figli nati fuori dal matrimonio, mentre otto anni più tardi, nel febbraio del 1955, venne approvata la legge che abolì l’uso dell’espressione “figlio di N.N.”. Nel ruolo dei protagonisti Mariangela D’Abbraccio, che ha iniziato la sua carriera diretta da Eduardo nella compagnia di Luca De Filippo, e Geppy Gleijeses, allievo prediletto di Eduardo che per lui nel ‘75 revocò il veto alla rappresentazione delle sue opere. Le loro sono superlative prove d’attori: una D’Abbraccio ruggente, feroce, decisa Filumena; un Gleijeses struggente e smarrito Domenico.

Una “Filumena Marturano” commovente e monumentale, che la regia autorevole e fedele di Liliana Cavani tramuta in una grande sceneggiatura tra cinema e teatro di straordinaria attualità. Lo spettacolo è stato presentato il 1° luglio 2016 al Festival dei Due Mondi di Spoleto, riscuotendo un grande successo di pubblico e critica.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Massimo Ranieri in "Sogno e son desto" al Politeama

    • 11 dicembre 2020
    • Teatro Politeama

I più visti

  • Appennino Festival 2020, chiusura a Ferriere

    • Gratis
    • 8 dicembre 2020
    • Chiesa di San Giovanni Battista
  • Paladino a Piacenza, la nuova installazione

    • Gratis
    • dal 10 ottobre al 28 dicembre 2020
    • Piazza Cavalli
  • Il Germoglio, inaugurato il Villaggio di Natale

    • Gratis
    • dal 7 novembre al 25 dicembre 2020
    • Il Germoglio Onlus
  • Castello di Gropparello, Cena con Delitto on line live per bambini

    • dal 21 novembre al 5 dicembre 2020
    • Castello di Gropparello
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    IlPiacenza è in caricamento