menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno dei carri della precedente edizione. Sotto Walter Portesi e Andrea Dadomo (foto Trespidi)

Uno dei carri della precedente edizione. Sotto Walter Portesi e Andrea Dadomo (foto Trespidi)

Fiorenzuola, è il week-end della Zobia: sette carri e quasi mille studenti in maschera

Saranno quattro giorni di colori, musica e allegria per la città. Si inizia giovedì 28 con le scuole elementari poi sabato 2 e domenica 3 marzo la sfilata di carri, gruppi e maschere singole. Il programma

Sul web il conto alla rovescia è iniziato qualche settimana fa: Fiorenzuola è ormai pronta ad accogliere il trentasettesimo Palio della Zobia. Sabato 2 e domenica 3 marzo carri, carretti, gruppi e maschere singole prenderanno d’assalto il centro storico che si trasformerà in un vero e proprio teatro di strada. «È un’edizione molto impegnativa ma allo stesso tempo ricca grazie alla Pro Loco e al Quartiere Torchina che con i loro stands ci aiuteranno a coinvolgere una platea molto vasta. Abbiamo la responsabilità morale di proporre una manifestazione bella e coinvolgente: il fatto che Busseto “abbandona” lo storico carnevale, pensiamo che molta più gente possa venire a Fiorenzuola» - ha detto qualche giorno fa durante la presentazione in Municipio l’assessore alla Cultura Massimiliano Morganti. E a confermare le sue parole ci sarebbe l’iscrizione di alcuni gruppi della Bassa, come uno che viene da Monticelli d’Ongina. «Come ogni anno – è intervenuto il sindaco Romeo Gandolfi -, grazie allo straordinario impegno dei fiorenzuolani, sarà possibile tornare in piazza per una risata collettiva», perché «come disse l’attore e comico inglese Charlie Chaplin “Chi non ride mai non è una persona seria”» - ha voluto ricordare Emanuele Pighi del comitato “Amici della Zobia”. «L’Amministrazione sarà sempre al fianco del comitato  – ha aggiunto Gandolfi -, con il sostegno che si renderà necessario per dare continuità a questa nostra meravigliosa tradizione. Ora tocca ai fiorenzuolani, che come ogni anno stringeranno il loro grande abbraccio intorno al carnevale della Zobia».

Il programma

Saranno quattro giorni di colori, musica e allegria per la città. Si inizia giovedì 28 con le scuole elementari, un giorno di pausa venerdì e poi il clou del carnevale sarà nel weekend. Il pomeriggio di sabato sarà dedicato ai bambini con l’animazione delle MeleVerdi e di Avis. Alla sera dalle 21 la sfilata dei carri e dei gruppi che concorrono al paliotto e a tarda serata, il palco sarà tutto per i GemBoy. I carri sfileranno nuovamente domenica e la “carovana” sarà aperta alle 14.30 dalla Banda “Magiostrina” di Cortemaggiore. Dalle 19, tra una premiazione e l’altra, canterà in piazza Caduti Giorgio Vanni, con le sigle più amate della televisione; e infine baraonda finale con dj Tubista. Le scuole torneranno a sfilare il martedì di carnevale, il 5 febbraio: questa volta a scendere per le vie del centro saranno le scuole medie e gli asili.

I presentatori

Walter Portesi e Andrea Dadomo Zobia Fiorenzuola-2Per far ridere la gente non si accetta una “conduzione” seria, fluida. Le parole d’ordine sono divertimento, spontaneità, imitazione. Ecco perché ogni anno in piazza Caduti i carri vengono accolti dalle “fotocopie” dei volti noti di Fiorenzuola. Chi quest’anno sarà simpaticamente “preso in giro”? Due farmaciste: la dottoressa Silva e una delle sorelle Mantovani, impersonate rispettivamente da Walter Portesi (tra l’altro presidente del comitato “Amici della Zobia”) e Andrea Dadomo. A loro si affiancherà Omaria Ferraroni alla quale sarà affidata l’animazione delle giornate che vedranno protagonisti gli alunni delle scuole. E a proposito di scuole ha spiegato Dadomo: «E’ l’anno de record: siamo riusciti ad ottenere un grande risultato grazie al preside Mario Magnelli che ha concesso di portare in Zobia tutte le classi con ben 750 bambini. Martedì invece ne avremmo 200 in rappresentanza della scuola media e degli asili».

I carri

Dicevamo dei carri: quest’anno in tutto saranno sette e ora sono nella fase degli ultimi ritocchi. Eccoli: Il ristorante “La Ruota” con Il Verani in gita a Las Vegas, “Roveleto come Rio” ironizzerà sulle Autoscuole Valdarda, la “Compagnia Teatrale” con Al Festival diàanvèn, il “Suavis Cafè” con i’artista da strà, il “Bar Paradiso” presenterà Aaardasbronzatissimi, il “Bar Posta e Collettivo 14” con La Libertà: Fiurinsola fa nutissia, la “Locanda San Fiorenzo” con Ghe Posta par tût. A giudicarli per ‘assegnazione del Palio ci sarà una giuria composta da sedici persone, “capitanate” da Sonia Aletti di Aido.

«Grazie a chi ci sostiene»

Il comitato organizzativo, che negli anni si è rinnovato e ha accolto anche nuove leve, ha voluto ringraziare tutte le persone e gli enti che in qualche modo hanno voluto dare un contributo nell’organizzazione. «Grazie all’Amministrazione, in particolare all’assessorato alla Cultura, alla polizia locale e all’ufficio Tecnico; ma anche e soprattutto agli sponsor e alle associazioni. Pensiamo che il carnevale sia una cosa di tutti e senza di loro di certo da soli non ce la faremmo».

Presentazione Zobia Fiorenzuola 2019-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Come apparecchiare la tavola: le regole del galateo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento