Diritti, una catena umana di studenti attraverso il centro storico

Nei giorni 14, 15 e 16 novembre le tre giornate di mobilitazione sul tema dei diritti organizzate dall'Unione degli Studenti. Nel pomeriggio di sabato 16 è prevista una catena umana che attraverserà tutto il centro storico

L’Unione Degli Studenti Piacenza organizza in data 14, 15 e 16 novembre tre giornate di mobilitazione sul tema dei diritti, in occasione della ricorrenza del 17 novembre, data internazionale dello studente. Ogni giornata avrà una sua particolare tematica e vedrà la collaborazione e la partecipazione anche di altre associazioni e realtà piacentine.
Ecco il programma delle tre giornate:
▶▶▶ GIOVEDì 14 NOVEMBRE, alle ore 14.30, presso il salone Mandela della CGIL (Via XXIV Maggio), è prevista un'assemblea pubblica sul tema dell'IMMIGRAZIONE, con la partecipazione di rappresentanze di CGIL, Arci e Libera.

▶▶▶ VENERDì 15 NOVEMBRE, alle ore 15.30, dal Liceo Scientifico L.Respighi partirà un corteo di studenti e lavoratori, in collaborazione con CGIL, FLC, FIOM​, che giungerà poi in Piazza Cavalli dove verrà trattato il tema del LAVORO e del WELFARE, con particolare riguardo alle seguenti problematiche:
- diritto allo studio 
- trasporto pubblico
- caro libri
- edilizia scolastica e problema palestre.

▶▶ SABATO 16 NOVEMBRE, alle ore 15.30, partirà dal liceo Respighi una catena umana che attraverserà tutto il centro fino ad arrivare in Largo Baciocchi. Il focus dell'iniziativa è rappresentato dal tema degli SPAZI: sono necessari spazi di aggregazione giovanile, parchi e palestre!
All'evento partecipano Acqua Bene Comune, Legambiente, Comitato Pertite, Comitato Due Piazze: Cittadella e Casali.
IL COMUNICATO DELL'UDS:

“Spazi ai diritti”: vogliamo un riconoscimento dei nostri diritti,come cittadini e studenti, vogliamo la riappropriazione di ciò che è comune, del vero senso della democrazia.

In vista del 17 Novembre, data internazionale dei diritti dello studente, il sindacato studentesco Unione Degli Studenti ( UdS) ha lanciato tre date di mobilitazione e di approfondimento di temi civili che sono volti a coinvolgere non solo gli studenti ma la cittadinanza per mostrare e stimolare la partecipazione a temi di attualità  e di responsabilità del senso di cittadinanza e di consapevolezza dei diritti.

Il 14 Novembre alle ore 14.30 aderiamo all'assemblea promossa da CGIL, Arci e Libera che si terrà nel Salone Mandela alla Camera del Lavoro, in via XXIV Maggio. Un incontro per approfondire il tema dell'immigrazione, per sensibilizzare la popolazione, tema controverso e fortemente dibattuto ultimamente in seguito alla strage di Lampedusa.

Venerdì 15 Novembre alle ore 15:30 dal liceo scientifico L. Respighi partirà un corteo per gridare che “Non c'è più tempo” per aspettare le risposte da un governo, da una politica, da una classe dirigente sordi alle istanze di studenti e di cittadini, che rivendicano non solo in questa giornata, in varie città di Italia, mobilitando decine di migliaia di studenti, ma quotidianamente il diritto al lavoro e all'istruzione. Il diritto di accedere ad alti gradi di studi indipendentemente dalla propria condizione economica, nel pieno rispetto degli articoli 3,33,34 della Costituzione.

Ultima giornata, che non rappresenta un momento conclusivo della mobilitazione ma vuole stimolare all'avvio e al proseguimento di un percorso di rivendicazioni e di battaglie per un paese che finalmente dia centralità ai saperi, per uno sviluppo effettivo all'insegna della democrazia, dei diritti e della cultura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sabato 16 Novembre alle ore 15:30  sempre dal liceo L. Respighi partirà una catena umana composta dai ragazzi dell'Unione Degli Studenti, da Acqua Bene Comune, da Legambiente, dal Comitato Pertite e dal Comitato due Piazze: Cittadella e Casali, per rivendicare la riappropriazione del “comune”, degli spazi che appartengono alla cittadinanza. Richiediamo luoghi fisici come gli spazi di aggregazione giovanile (in particolare il dibattito è focalizzato attualmente sulla circoscrizione 2 in via XXIV Maggio), le palestre e il Parco Pertite, ma anche beni comuni come l'acqua. Stiamo assistendo al crollo della democrazia in una città dove non viene rispettata la decisione di 30 000 cittadini piacentini che hanno espresso in un Referendum la volontà di trasformare l'ex area della Pertite in un parco, in una città in cui l'attuale sindaco, in campagna elettorale, aveva firmato pubblicamente un documento in cui aveva dichiarato di attuare una variante al piano regolatore per realizzare il parco Pertite. Siamo spettatori di un degrado della democrazia a livello nazionale, dove non viene rispettato il Referendum del 2011 sulla gestione dell'acqua, in cui più di 25 milioni italiani hanno votato per la pubblicizzazione della stessa. Non c'è più tempo per assistere inermi e passivi alla privatizzazione di beni comuni, come gli spazi, le aree verdi, l'acqua e i saperi, per assistere all'opera di sgretolamento della democrazia sia a livello locale sia a livello nazionale, a un potere e un interesse economico che è più forte del dettame popolare, a una sfiducia crescente nella classe politica dirigente, a una corrosione della partecipazione popolare e democratica alle scelte e alle decisioni che riguardano il popolo. Ribadiamo: “Spazi ai diritti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento