menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Po riserva Unesco, Piacenza alla settima edizione della Borsa del Turismo Fluviale e del Po

Anche l'assessore alla Cultura e al Turismo, Tiziana Albasi ha partecipato sabato 1 ottobre all'inaugurazione a Guastalla della settima edizione della Borsa del Turismo Fluviale e del Po, che ha visto per la prima volta il Comune di Piacenza partner dell'iniziativa

Anche l’assessore alla Cultura e al Turismo, Tiziana Albasi ha partecipato sabato 1 ottobre all'inaugurazione a Guastalla della settima edizione della Borsa del Turismo Fluviale e del Po, che ha visto per la prima volta il Comune di Piacenza partner dell'iniziativa. Nella stessa giornata, presso il Teatro Comunale “R. Ruggeri” del Comune reggiano, le rappresentanze di oltre 50 Comuni del territorio compreso tra le province di Piacenza e Mantova, passando per quelle di Cremona, Parma e Reggio Emilia, hanno presentato il progetto per la candidatura dell'area denominata Po Grande a “Riserva Uomo e Biosfera Mab (man and biosphere) Unesco”. Oltre all’assessore Albasi, sono intervenuti i sindaci di Guastalla e Colorno (Pr), Camilla Verona e Michela Canova, la presidente Apt Regione Emilia Romagna, Liviana Zanetti, la direttrice generale Attività produttive della Regione Emilia-Romagna Morena Diazzi, Francesco Puma per l’Autorità di bacino, Pierluigi Viaroli del dipartimento di Bioscienze dell’Università di Parma e Lorenzo Frattini quale rappresentante regionale di Lega Ambiente.

Nel corso della tavola rotonda, i diversi relatori hanno approfondito in particolare il tema della tutela del Po e delle sue terre, obiettivo primario non solo per il futuro di queste aree ma per l’intera pianura e il mare Adriatico, naturale prosecuzione del fiume. L’assessore Tiziana Albasi, dopo aver sottolineato che “questo evento si contestualizza nelle azioni di valorizzazione del Grande Fiume che in questi anni l’assessore all’Ambiente Giorgio Cisini ha sviluppato con sinergie e accordi di programma dei paesi rivieraschi lungo l'asse piacentino, pensiamo ad esempio a “Pedalando un Po””, ha dichiarato: “Riuscire a leggere il fiume nel suo complesso al di là delle divisioni amministrative, garantendo unità di progettazione e gestione ai suoi ecosistemi, alle sue vie di trasporto, fluviali e ciclabili, alle sue opportunità turistiche e agroalimentari è un passaggio indispensabile per la tutela di cui necessita. In questo senso l’esperienza delle aree Mab, riserve della biosfera riconosciute dall’Unesco e valorizzate a livello internazionale, può essere un utile strumento per percorrere questa unità di approccio. Dichiarare il territorio Po Grande Riserva Mab Unesco significa preservare e controllare quell'equilibrio che nei secoli si è creato fra uomo e ambiente e poter sviluppare in futuro nuove azioni di valorizzazione e fruizione”.

L’assessore Albasi ha concluso ribadendo “l’importanza di comunicare sempre più l’idea di territorio come brand, valorizzando la biodiversità e l’eccellenza del Fiume ma con tutte le sue caratteristiche storiche, ambientali, enogastronomiche, turistiche e culturali che contraddistinguono i singoli ambienti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Attualità

    «Nel Piacentino 304 morti premature all'anno dovute all'inquinamento»

  • Fiorenzuola

    Infarto al cimitero, si accascia vicino ad una tomba e muore

  • Economia

    Filiera logistica FedEx-Tnt ferma contro i licenziamenti

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento