Teatro San Matteo, "La curiosa stravaganza"

in occasione della Settimana Europea della Mobilità SostenibileFIAB Piacenza Amolabici invita la cittadinanza VENERDI’ 22 settembre alle ore 21,00 presso il Teatro San Matteo, via San Matteo 8, allo spettacolo “LA CURIOSA STRAVAGANZA”, che racconta l’avventura di ALFONSINA STRADA, la prima e unica donna a correre il Gito d’Italia nel 1924.

Lo spettacolo vedrà l’attrice Daniela Stecconi, accompagnata da musiche dal vivo, raccontare l’insolita esperienza della ciclista, all’epoca molto acclamata per le sue storiche imprese e oggi riscoperta per il coraggio e la determinazione che aveva, all’epoca poco consone all’universo femminile.

Lo spettacolo – pluripremiato - ha vinto il  premio dei “Piccoli Teatri 2017” dell’Emilia Romagna e il premio nazionale di teatro sociale “Proscenio Aggettante” come miglior attrice protagonista, migliore regia e migliore spettacolo.

L’ingresso è libero.

Quella di Alfonsina Strada è la storia di una passione che ha indirizzato tutta la sua vita.
La passione è una scossa al cuore che dà un continuo impulso e un continuo dolore, ma un dolore che si trasfigura e diventa dedizione.
La passione riassume in sé sia la grandezza del Venerdì Santo, sia il candore dell’innocenza di chi non conosce altra legge che la propria.
Nello spettacolo, le 12 tappe del Giro d’Italia al quale partecipa Alfonsina nel 1924 sono messe in relazione con le 12 stazioni della passione di Cristo: il Giro si rivela infatti una vera Via Crucis.
E Alfonsina aveva 33 anni, come Cristo.
Alfonsina Morini nasce in una famiglia di contadini. Ben presto si appassiona al ciclismo e partecipa a numerose competizioni locali (https://youtu.be/M-Wa0yHaOC0).
Nei paesi in cui sfrecciava con la sua bicicletta viene soprannominata “il diavolo in gonnella”.
Continuamente osteggiata dalla famiglia per la sua passione, nel 1915, sposa Luigi Strada, cesellatore che, invece, la incoraggia e addirittura le regala, il giorno delle nozze, una bicicletta da corsa nuova. L’anno successivo i due si trasferiscono a Milano, dove Alfonsina comincia ad allenarsi con serietà.
Nel 1924 partecipa, prima donna in assoluto, al Giro d’Italia. Parte e compie regolarmente 4 tappe: la Milano-Genova, la Genova-Firenze, la Firenze-Roma e la Roma-Napoli. Nella tappa L’Aquila-Perugia, invece, Alfonsina arriva fuori tempo massimo.
A quel punto i giudici si dividono in due fazioni: chi vuole estrometterla e chi è favorevole a farla proseguire.
Il direttore della Gazzetta, Emilio Colombo, che aveva permesso la partecipazione di Alfonsina al Giro e aveva capito quale curiosità suscitasse nel pubblico la prima ciclista italiana della storia, propone un compromesso: ad Alfonsina sarà consentito proseguire la corsa, ma non è più considerata in gara. Lei acconsente e prosegue il suo Giro (https://youtu.be/Zg9z3POGubE).
All’arrivo di ogni nuova tappa viene accolta da una folla che la acclama, la festeggia, la sostiene con calore e partecipazione.
Alfonsina continua a seguire il Giro fino a Milano, osservando gli stessi orari e gli stessi regolamenti dei corridori.
Un giro di dodici tappe per un totale di 3618 chilometri, che si conclude con la vittoria di Giuseppe Enrici dopo il duello con Federico Gay. Dei 90 corridori partiti solo 30 arrivano a Milano. E Alfonsina è tra loro.
Negli anni successivi viene negata ad Alfonsina la possibilità di iscriversi al Giro.
Lei però vi partecipa ugualmente per lunghi tratti, come aveva fatto al suo esordio, conquistando l’amicizia, la stima e l’ammirazione di numerosi giornalisti, corridori e degli appassionati di ciclismo che continuano a seguire le sue imprese con curiosità, rispetto ed entusiasmo.
Partecipa a numerose altre competizioni finché nel 1938, a Longchamp, conquista il record femminile dell’ora (35,28 km).
Rimasta vedova di Luigi Strada, Alfonsina si risposa a Milano, il 9 dicembre 1950, con un ex ciclista, Carlo Messori, con l’aiuto del quale continua nella sua attività sportiva fino a che non decide di abbandonare lo sport agonistico.
Ma la sua passione per la bicicletta non viene meno. Apre, infatti, a Milano, in via Varesina, un negozio di biciclette con una piccola officina per le riparazioni. Rimasta di nuovo vedova nel 1957, manda avanti da sola il negozio.
Ogni giorno, per andare al lavoro, Alfonsina usa la sua vecchia bicicletta da corsa indossando una abbondante gonna pantalone.
Abbandonerà la sua bicicletta solo molti anni dopo, per una Moto Guzzi 500 cmc. Muore il 13 settembre del 1959 all’età di 68 anni, a causa di un incidente con la sua moto.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Massimo Ranieri in "Sogno e son desto" al Politeama

    • 11 dicembre 2020
    • Teatro Politeama

I più visti

  • Appennino Festival 2020, chiusura a Ferriere

    • Gratis
    • 8 dicembre 2020
    • Chiesa di San Giovanni Battista
  • Paladino a Piacenza, la nuova installazione

    • Gratis
    • dal 10 ottobre al 28 dicembre 2020
    • Piazza Cavalli
  • Il Germoglio, inaugurato il Villaggio di Natale

    • Gratis
    • dal 7 novembre al 25 dicembre 2020
    • Il Germoglio Onlus
  • Castello di Gropparello, Cena con Delitto on line live per bambini

    • 5 dicembre 2020
    • Castello di Gropparello
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    IlPiacenza è in caricamento