Il capolavoro di Donizetti in scena al Municipale

In programma venerdì 26 e domenica 28 febbraio l'opera "Lucia di Lammermoor". Il soprano Gilda Fiume al debutto nel ruolo della protagonista

Un'immagine di scena

Dopo quattordici anni torna al Municipale Lucia di Lammermoor, l'opera più popolare di Gaetano Donizetti, considerata una delle più rappresentative del melodramma romantico e una delle prove vocali più appassionanti del repertorio lirico.

In scena venerdì 26 febbraio alle 20,30 e sabato 28 febbraio alle 15,30, l'opera, accanto alle grandi prove di gesto e perizia tecnica a cui sono chiamati gli interpreti vocali, si avvale di una scrittura orchestrale ricchissima ed efficace, che raffigura il paesaggio scozzese e l'ambientazione prevalentemente notturna già insita nel romanzo originario di Walter Scott.

Lo spettacolo, frutto di una coproduzione tra Fondazione Teatro comunale di Modena, Fondazione Teatri di Piacenza, Fondazione I Teatri di Reggio Emilia, Fondazione Teatro Regio di Parma e Teatro dell'Opera Giocosa di Savona, riprende un allestimento della Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi dedicato al lavoro del geniale scenografo Josef Svoboda, a dieci anni dalla morte.

Autore di oltre settecento spettacoli per teatri quali il Metropolitan di New York e il Covent Garden di Londra, Svoboda è considerato un maestro delle luci e delle illusioni sceniche ed è stato fra i primi utilizzare la proiezione video in campo operistico. L’allestimento di Lucia di Lammermoor, uno dei suo lavori più celebri in Italia, è stato ricostruito e messo in scena con la regia di Henning Brockhaus.

Svoboda aveva immaginato per l’opera di Donizetti scene di notevole suggestione poetica che sono state fedelmente ricostruite a Jesi da Benito Leonori, già allievo e collaboratore dell’artista boemo.

Rispetto all’edizione originale, il nuovo allestimento dell’opera prevede nuovi costumi e nuove luci, e, inoltre, una regia, come ha spiegato Henning Brockhaus “meno realistica e più onirica, per rendere appieno il complesso mondo di Lucia. La protagonista ama e vive le sue emozioni con pienezza in un mondo di uomini che vivono in maniera unilaterale, pensando solo alla vendetta e alla brama di potere; Lucia viene condotta alla follia da inganni e giochi politici, ed è una figura ancora attuale e contemporanea”.

Al Teatro Municipale l'opera di Donizetti vede impegnata l'Orchestra Regionale dell'Emilia Romagna diretta da Stefano Ranzani e il Coro della Fondazione Teatro Comunale di Modena istruito da Stefano Colò.

Per questa produzione la regia di Brockhaus, autore delle luci, viene ripresa da Valentina Escobar che ha ideato anche i movimenti coreografici. A interpretare i personaggi del dramma donizettiano sono il baritono Mario Cassi (Lord Enrico Ashton), il soprano Gilda Fiume (Lucia), il tenore Giuseppe Gipali (Sir Edgardo di Ravenswood), il tenore Matteo Desole (Lord Arturo Bucklaw), il basso Enrico Iori (Raimondo Bidebent), il contralto Elena Traversi (Alisa) e il tenore Roberto Carli (Normanno).

Per info e biglietti è possibile rivolgersi alla biglietteria del Teatro Municipale di Piacenza, in via Verdi 41, al numero di telefono 0523.492251 o al fax 0523.320365 o all'indirizzo mail biglietteria@teatripiacenza.it.

Venerdì 26 febbraio 2016 ore 20.30
Domenica 28 febbraio 2016 ore 15.30

LUCIA DI LAMMERMOOR, di Gaetano Donizetti
Dramma tragico in tre Atti - Libretto di Salvatore Cammarano, dal romanzo The Bride of Lammermoor di Walter Scott

ORCHESTRA REGIONALE DELL'EMILIA ROMAGNA
CORO DEL TEATRO COMUNALE DI MODENA

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento