Teatro Municipale, in sardo barbaricino il "Macbettu"

Uno degli appuntamenti più attesi della Stagione a Piacenza, con un palmarès di tutto rispetto tra cui il Premio Ubu 2017 come spettacolo dell’anno e il Premio della Critica 2017 ANCT - Associazione Nazionale dei Critici di Teatro.

 È “Macbettu” di Alessandro Serra, tratto dal “Macbeth” di William Shakespeare, produzione Sardegna Teatro in collaborazione con compagnia Teatropersona. Lo vedremo al Teatro Municipale mercoledì 3 aprile alle ore 21 al Teatro Municipale per il cartellone Altri Percorsi della Stagione “Tre per Te” 2018/2019 proposta da Teatro Gioco Vita, direzione artistica di Diego Maj, con la Fondazione Teatri di Piacenza, il Comune di Piacenza e il sostegno di Fondazione di Piacenza e Vigevano e Iren.

È il “Macbeth” di Shakespeare recitato in sardo barbaricino (con sopratitoli in italiano) e, come nella più pura tradizione elisabettiana, interpretato da soli uomini. In scena Fulvio Accogli, Andrea Bartolomeo, Leonardo Capuano, Andrea Carroni, Giovanni Carroni, Maurizio Giordo, Stefano Mereu, Felice Montervino, traduzione in sardo e consulenza linguistica di Giovanni Carroni, collaborazione ai movimenti di scena Chiara Michelini, musiche pietre sonore Pinuccio Sciola, composizioni pietre sonore Marcellino Garau.Regia, scene, luci e costumi di Alessandro Serra.

“Macbettu” s’incunea in un crocevia: da un lato le intuizioni geniali del “Macbeth” di Shakespeare, dall’altra l’ispirazione del regista di fronte al Carnevale barbaricino. Della vicenda scespiriana si recupera l’universalità e la pienezza di sentimenti, millimetricamente in bilico sul punto di deflagrare. Di fronte ai carnevali sardi una visione: uomini a viso aperto si radunano con uomini in maschere tetre e i loro passi cadenzano all’unisono il suono dei sonagli che portano addosso. «Quell’incedere di ritmo antico, un’incombente forza della natura che sta per abbattersi inesorabile, placida e al contempo inarrestabile: la foresta che avanza» - così Serra descrive la suggestiva ascendenza da cui è scaturito il suo lavoro di contaminazione. “Macbettu” traduce - e volontariamente tradisce - il suo riferimento testuale, valica i confini della Scozia medievale per riprodurre un orizzonte ancestrale: la Sardegna come terreno di archetipi, orizzonte di pulsioni dionisiache. La riscrittura del testo operata dal regista, trasferita poi in limba sarda da Giovanni Carroni, guarda a una interpretazione sonora: gli attori sulla scena - uomini, come da tradizione elisabettiana - decantano una lingua che è pura sonorità, si allontanano dal giogo dei significati per magnificare il senso.

«L’idea - sono le parole di Alessandro Serra - nasce nel corso di un reportage fotografico tra i carnevali della Barbagia. I suoni cupi prodotti da campanacci e antichi strumenti, le pelli di animali, le corna, il sughero. La potenza dei gesti e della voce, la confidenza con Dioniso e al contempo l’incredibile precisione formale nelle danze e nei canti. Le fosche maschere e poi il sangue, il vino rosso, le forze della natura domate dall’uomo. Ma soprattutto il buio inverno. Sorprendenti le analogie tra il capolavoro shakespeariano e i tipi e le maschere della Sardegna. La lingua sarda non limita la fruizione ma trasforma in canto ciò che in italiano rischierebbe di scadere in letteratura. Uno spazio scenico vuoto, attraversato dai corpi degli attori che disegnano luoghi e evocano presenze. Pietre, terra, ferro, sangue, positure di guerriero, residui di antiche civiltà nuragiche. Materia che non veicola significati, ma forze primordiali che agiscono su chi le riceve».

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Più servizi per i cittadini: nuovo punto prelievi SSN al CDI di San Rocco al Porto

    • dal 12 aprile al 31 dicembre 2021
    • Centro Commerciale Belpò
  • Val Tidone Lentamente, “Di Vino. Geografia di un paesaggio intenso"

    • solo domani
    • 9 maggio 2021
    • Val Tidone
  • La Madonna Sistina rivive a Piacenza

    • dal 29 maggio al 31 ottobre 2021
    • Complesso monastico di San Sisto
  • Galleria Ricci Oddi, Progetto Klimt

    • dal 27 aprile al 11 ottobre 2021
    • Galleria Ricci Oddi
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    IlPiacenza è in caricamento