Mercatini di Mucinasso, sedici anni di regali all'insegna della tradizione

Da sedici anni i Mercatini di Natale allestiti a Mucinasso rappresentano un ritorno alle antiche tradizioni artigiane. Organizzati a cura della Parrocchia San Tommaso, sono aperti da giovedì a domenica dalle 15 alle 19 fino al 22 dicembre

Da sedici anni rappresentano un punto fisso delle tappe di avvicinamento al Natale. I Mercatini di Mucinasso costituiscono un tuffo nel passato, alla riscoperta di tradizioni che si stanno perdendo, a partire dalla vecchia stalla in cui sono sistemati.

Capacità, passione, abilità, artigianato sono il cuore dei Mercatini. Organizzati dal Laboratorio della Parrocchia di San Tommaso (a Mucinasso), i Mercatini offrono la possibilità di fare un regalo unico e di contribuire alla solidarietà verso persone e associazioni. Parte del ricavato,  infatti, viene destinato all’Assofa, alla Giara e all’adozione di una bambina africana.

Mobili antichi restaurati, oggetti preparati a mano, con tecniche di pittura e decoupage, teli ricamati, lavori all’uncinetto, coppi decorati, scatole in legno, addobbi per l’albero di Natale, splendide icone della religiosità ortodossa, e ancora il miele delle valli piacentine e prodotti cosmetici ricavati dal nettare delle api: tutto questo è in mostra e si può ammirare, toccare e acquistare.

«E’ un peccato per il ricamo - spiega Rita Mazzoni, del Laboratorio - perché molte donne anziane, vere artiste, ormai non lavorano più e gli ultimi pezzi in vendita sono capolavori che nei prossimi anni non si troveranno più. Si sta perdendo la tradizione, l’arte, si sta perdendo quella cultura contadina che ci appartiene».

I Mercatini sono aperti fino al 22 dicembre, da giovedì a domenica dalle 15 alle 19. Domenica 16 dicembre, inoltre, consolidando una tradizione radicata si svolgerà, alle 21, il concerto della Schola cantorum di San Giorgio, diretta da Anna Solinas. Un appuntamento che riempie la piccola chiesa di San Tommaso

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento